3/5

Pesca elettrica al pesce rosso

L'Ufficio caccia e pesca è intervenuto allo stagno del Paü per ridurne il numero

COLDRERIO - Dovrebbe ospitare rane, girini, libellule e germani reali. Allo stagno del Paü in centro a Coldrerio ci sono però soprattutto centinaia di pesci rossi. La loro immissione nello stagno non è però opera del Comune o del Cantone, bensì dei cittadini che vogliono "liberarsi" dei pesci rossi domestici, danneggiando l'equilibrio del biotopo e mettendo in pericolo le altre specie.

Oggi l'Ufficio caccia e pesca cantonale e i suoi guardiapesca sono così stati costretti ad intervenire per ridurre drasticamente il numero dei pesci rossi presenti nello stagno. La tecnica utilizzata è del tutto particolare: la pesca elettrica, che ha permesso di "stordire" i pesci per poi spostarli in acque a loro più adeguate.

12 febbraio 2018 11:57
L.T.


Condividi

Prossimi articoli

A Mario Botta il premio Ratzinger

Riconoscimento anche alla teologa bavarese Marianne Schlosser
Mendrisiotto

Odori e malumori per la canapa light

La piantagione è spuntata nelle scorse settimane nelle vicinanze di un quartiere residenziale di Coldrerio
Mendrisiotto