3/5

Finzi Pasca spacca il PLR luganese

Il presidente dell'Ente autonomo del LAC Roberto Badaracco risponde alle critiche mosse dall'Ufficio presidenziale del suo partito: "È un attacco, non me lo aspettavo"

LUGANO - Dal palcoscenico del LAC a quello della politica cittadina: la polemica tra la Compagnia Finzi Pasca e i vertici del centro culturale ha superato i confini dell'ambito culturale per investire i partiti, il PLR in particolare che sulla vicenda appare spaccato su posizioni opposte. Martedì il Consiglio direttivo del LAC, presieduto da Roberto Badaracco, ha chiuso alla proposta di un incontro chiarificatore con Daniele Finzi Pasca mediato dal Municipio. Ieri il fuoco amico dell'Ufficio presidenziale (UP) del PLR luganese si è abbattuto sul proprio municipale, con una presa di posizione (Vedi Suggeriti) in cui «si distanzia dall'atteggiamento dell'Ente autonomo del LAC: il rifiuto di sedersi attorno a un tavolo per trovare una soluzione a delle divergenze non è mai un segnale positivo nei confronti dei cittadini (..). In un momento così delicato - conclude - ci interroghiamo anche sull'autorevolezza del sindaco di Lugano, che si era preso l'onere di far sedere le parti al tavolo delle discussioni. Di parole se ne sono sentite tante, i fatti stanno a... zero». Parole forti, quelle della sezione presieduta da Guido Tognola, che hanno colto di sorpresa Roberto Badaracco: «Non me lo aspettavo e non penso che questo sia il modo giusto per comunicare, così si rischia solo di gettare ulteriore benzina sul fuoco». E se il municipale non è solito a polemiche interne al partito, questa volta non nasconde un certo malumore per le dichiarazioni che ha percepito «come una sorta di attacco» nei suoi confronti. Su questo aspetto incassa la solidarietà del collega Michele Bertini: «Capisco il suo sconforto, che ho vissuto anch'io, è da tempo che va avanti questo problema interno al partito». Bertini si distanzia invece dalla posizione dell'Ente autonomo del LAC:_«negarsi alla discussione è sempre un errore, soprattutto se c'è una decisione del Municipio che va in questa direzione». Su un'eventuale spaccatura interna, la capogruppo PLR in Consiglio comunale Karin Valenzano Rossi non si esprime, spiegando di non fare parte dell'UP e di non sapere quali siano i pareri in gioco. Anche se, in merito alla diatriba tra il Lugano Arte e Cultura e Finzi Pasca all'indomani della dura presa di posizione del Consiglio direttivo dell'Ente autonomo, anche lei ritiene necessario fare chiarezza. «È importante incontrarsi - dice - per chiarire le rispettive richieste e posizioni che al momento appaiono un po' confuse, o almeno io dal dibattito mediatico non le ho capite, ed esplorare eventuali possibilità di soluzioni. Qualsiasi sia l'esito, si eviterà almeno il rimpianto di non aver provato a parlarsi».

I particolari sul giornale
Edizione del 11 Ottobre 2018 a pagina 11
11 ottobre 2018 06:00
C.NACA e g.rec


Condividi

Articoli suggeriti

“Tante parole, ma i fatti stanno a zero”

Caso LAC-Finzi Pasca: la sezione cittadina del PLR prende posizione contro l'Ente autonomo e attacca il sindaco Borradori: "Qual è l'autorevolezza del sindaco?"
Lugano

“Le minacce di Finzi Pasca sono inaccettabili”

Dura presa di posizione del Consiglio Direttivo del LAC in seguito alla conferenza stampa del regista: "Tiene in scacco il Municipio ed esercita pressioni sull'opinione pubblica"
Lugano

“Restiamo se cambiano le regole”

Daniele Finzi Pasca torna a ribadire le condizioni per mantenere la sua compagnia a Lugano - Nei prossimi giorni un incontro con le parti per cercare una soluzione
Lugano

Ci vorrebbe il battipanni della nonna

L'EDITORIALE DI BRUNO COSTANTINI
Editoriale

Bivio al LAC: il talento o la squadra?

Lunga discussione del Municipio di Lugano su Finzi Pasca: riproposto l’ufficio al Central Park - Adesso il regista ha sul tavolo tre opzioni, mentre la Città si trova tra due fuochi
Lugano

Massagno offre una casa a Finzi Pasca

Il Comune ha confermato di aver messo a disposizione della compagnia del regista ticinese uno stabile in centro
Lugano

Una torretta per Finzi Pasca

L'ufficio della compagnia potrebbe trovare spazio sulla scalinata della funicolare
Lugano

“Daniele rimani, ma basta screditarci”

Il presidente del LAC Badaracco risponde al regista che aveva spiegato il suo scontento in una lettera al Corriere: "Tutti vogliono fortemente che resti, però deve capire qual è il suo ruolo in una macchina complessa"
Lugano

Un battibecco tra due realtà di successo

Commento

Finzi Pasca: “Non ci trattano come coinquilini”

In una lunga lettera inviata in esclusiva al Corriere del Ticino il regista ribadisce la propria amarezza per i rapporti con i vertici del LAC - "C'era chi non vedeva l'ora che ce ne andassimo"
Lugano

Alla ricerca dell`ufficio per Finzi Pasca

Dopo la diatriba, l’Ente autonomo del LAC e la Città si impegneranno per trovare uno spazio al regista - Badaracco: "Con Daniele ci siamo sentiti"
Lugano

“No allo strappo, troviamo uno spazio a Finzi Pasca”

Così il sindaco di Lugano Marco Borradori sulla tensione tra il LAC e la Compagnia - Badaracco difende Gagnon e Rifici
Lugano

“Non c`è spazio per l`ufficio di Finzi Pasca”

Il presidente dell'Ente autonomo del LAC Roberto Badaracco risponde alle dichiarazioni del regista ticinese e difende i vertici del centro culturale
Lugano

Finzi Pasca: “Nel mio cuore son già lontano da Lugano”

L'artista torna sulla diatriba tra la sua Compagnia e la Città: "I funzionari del LAC che avevo aiutato a scegliere sono gli stessi che ora mi dicono che per me non c’è spazio" - SONDAGGIO
Lugano