3/5

Nove indagati per un riciclaggio a sei zeri

Primo processo di una serie al Tribunale penale federale: alla sbarra un'operatrice finanziaria ticinese che avrebbe aiutato una famiglia di pregiudicati italiani a lavare del denaro

BELLIZONA - È iniziata al Tribunale penale federale di Bellinzona una serie di processi relativi a presunti riciclaggi milionari a opera di una famiglia di pregiudicati italiani, i Magnone. Ieri in aula vi era un'operatrice finanziaria ticinese accusata di aver favorito parte del loro lavaggio di denaro tramite una società a Lugano dietro cui in realtà si nascondeva il capofamiglia. La sentenza è attesa a giorni.

La donna era accusata di avere riciclato tramite almeno 25 transazioni a beneficio di Paolo Magnone (il capofamiglia) oltre 200.000 franchi. Di queste, però, per 23 è nel frattempo subentrata la prescrizione. Se la sentenza non cadrà oggi verrà inoltre prescritto un ulteriore prelievo, e se la donna verrà in effetti condannata (la difesa ne chiede il proscioglimento), lo sarà per un singolo prelievo da mille franchi.

I particolari sul giornale
Edizione del 14 Settembre 2018 a pagina 16
14 settembre 2018 06:00
StF


Condividi

Prossimi articoli

“No allo strappo, troviamo uno spazio a Finzi Pasca”

Così il sindaco di Lugano Marco Borradori sulla tensione tra il LAC e la Compagnia - Badaracco difende Gagnon e Rifici
Lugano

“Non c'è spazio per l'ufficio di Finzi Pasca”

Il presidente dell'Ente autonomo del LAC Roberto Badaracco risponde alle dichiarazioni del regista ticinese e difende i vertici del centro culturale
Lugano

Campione, il sindaco Salmoiraghi si dimette

Insieme a lui lasciano quattro consiglieri comunali - Si va verso il commissariamento
Lugano