3/5

ARL SA: “Falsificata la firma dell'ex direttore”

L'ex dirigente risulterebbe tuttora responsabile della società nei registri dei professionisti del settore

LUGANO - Nonostante l'allontanamento del direttore i Autolinee Regionali Luganesi SA (ARL SA), nell'autunno del 2017, la firma dell'ex direttore sarebbe stata "ripetutamente falsificata [...] sui documenti di viaggio". Questo perché "a tutt'oggi egli figura iscritto come responsabile a tutti gli effetti della Società Autolinee Regionali Luganesi SA nell'apposito registro dei professionisti del settore, gestito dall'Ufficio federale dei trasporti, al quale hanno accesso tutte le autorità di polizia". È quanto sostiene il difensore dell'ex responsabile, in un comunicato stampa, dopo la diffusione, da parte del Dipartimento del territorio, di una nota nella quale si annunciava l'emergere di "ulteriori potenziali irregolarità inerenti l'ammontare delle sue retribuzioni" a carico dell'ex direttore di Autolinee Regionali Luganesi (ARL).

"Le accuse rivolte all'ex direttore, oltre ad essere particolarmente infamanti, si stanno rivelando prive di qualsiasi fondamento" scrive ora l'avvocato Marco Broggini, prima di aggiungere: "Ancora una volta il mio cliente viene esposto alla gogna mediatica facendo leva su un falso pretesto".

"Non corrisponde assolutamente al vero che sarebbero emerse ulteriori irregolarità e che si sarebbe resa necessaria una segnalazione al Ministero pubblico" si legge nella nota. "È oltremodo auspicabile - scrive infine il legale - che il Dipartimento del territorio e il rappresentante del Cantone in ARL Gianmaria Frapolli si occupino di questi aspetti, e cessino una volta per tutte di infangare gratuitamente il mio cliente".

11 luglio 2018 17:17
Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

La discarica d'inerti torna alla ribalta

Dopo la bocciatura alle urne nel 2010, il Comune di Arogno la ripropone in versione ridotta - Il sindaco Corrado Sartori: "Abbiamo tenuto conto delle suggestioni dei referendisti"
Lugano

Ad Agno volati via 11 mila franchi

Fanno discutere le sei ore di chiusura dello scalo per un aereo atterrato con difficoltà - Poteva rimuoverlo Lugano Airport, ma un ispettore federale ha voluto chiamare il TCS
Lugano

Cigno “scortato” dagli agenti verso il lungolago

L'animale si è avventurato qualche settimana fa in Piazza Luini e i poliziotti lo hanno riaccompagnato verso la riva - IL VIDEO
Lugano