3/5

Casinò di Campione, firmato l'accordo

È stato firmato dai dipendenti della casa da gioco e stabilisce la riduzione del costo del lavoro del 30%, la ristorazione sarà ceduta - Sono circa 30, su 156, i dipendenti che rischiano il posto

CAMPIONE - Luce verde, al Casinò di Campione, per la procedura di solidarietà. Lo ha deciso lo stesso personale tramite un referendum. L'accordo tra le parti, siglato ieri, prevede la riduzione del costo del lavoro (di circa il 30%) ed  entrerà in vigore a partire dal prossimo primo giugno. L'effetto che ne deriva è che, in zona Cesarini, è stato scongiurato il licenziamento dei 156 dipendenti della casa da gioco già annunciato da settimane: in virtù della stessa intesa, a perdere il posto, sarebbe ora soltanto una trentina di persone, in buona parte ormai alla vigilia del pensionamento. Il contenimento dei salari pattuito sarà del trenta per cento, mentre la ristorazione della casa da gioco sarà ceduta.

Il piano di risparmio, ha precisaro la direzione in un comunicato, prevede comunque "un contenimento dei costi del personale, compatibili con l'attuale situazione di mercato e aziendale". Inoltre si è individuato anche il percorso "per l' avvio delle necessarie procedure ( nel rispetto della legge) che consentano l'affidamento a terzi dell'attività dell'ambito ristorazione con obiettivi di sviluppo dell'attività e del bacino della clientela".

I particolari sul giornale
Edizione del 17 Maggio 2018 a pagina 12
17 maggio 2018 09:55
Red. Online-ats


Condividi

Prossimi articoli

Comuni uniti per il Monte Lema

La società malcantonese avrà il sostegno di diversi Municipi per affrontare le serie difficoltà finanziarie riscontrate
Lugano

Marcello Foa querela L'Espresso

Dopo l'articolo del settimanale italiano in cui si ipotizza un collegamento tra i partiti italiani "Lega" e "Cinque Stelle" con il gruppo del Corriere del Ticino, l'amministratore delegato dà mandato ai suoi legali
Lugano

Al posto dell'ostello una Fondazione per il teatro

L'ente costituito due anni fa da Claudia Lombardi è in procinto di acquistare l'immobile di Figino dove un tempo c'era una sistemazione per i giovani
Lugano