3/5

Casinò di Campione, firmato l'accordo

È stato firmato dai dipendenti della casa da gioco e stabilisce la riduzione del costo del lavoro del 30%, la ristorazione sarà ceduta - Sono circa 30, su 156, i dipendenti che rischiano il posto

CAMPIONE - Luce verde, al Casinò di Campione, per la procedura di solidarietà. Lo ha deciso lo stesso personale tramite un referendum. L'accordo tra le parti, siglato ieri, prevede la riduzione del costo del lavoro (di circa il 30%) ed  entrerà in vigore a partire dal prossimo primo giugno. L'effetto che ne deriva è che, in zona Cesarini, è stato scongiurato il licenziamento dei 156 dipendenti della casa da gioco già annunciato da settimane: in virtù della stessa intesa, a perdere il posto, sarebbe ora soltanto una trentina di persone, in buona parte ormai alla vigilia del pensionamento. Il contenimento dei salari pattuito sarà del trenta per cento, mentre la ristorazione della casa da gioco sarà ceduta.

Il piano di risparmio, ha precisaro la direzione in un comunicato, prevede comunque "un contenimento dei costi del personale, compatibili con l'attuale situazione di mercato e aziendale". Inoltre si è individuato anche il percorso "per l' avvio delle necessarie procedure ( nel rispetto della legge) che consentano l'affidamento a terzi dell'attività dell'ambito ristorazione con obiettivi di sviluppo dell'attività e del bacino della clientela".

I particolari sul giornale
Edizione del 17 Maggio 2018 a pagina 12
17 maggio 2018 09:55
Red. Online-ats


Condividi

Prossimi articoli

Tempo di diplomi alla Franklin University

Sono 80 gli studenti che hanno festeggiato la fine del loro percorso di studi domenica al Palazzo dei congressi di Lugano
Lugano

Morcote, caduto un masso di oltre 5 tonnellate

Si è staccato dalla montagna antistante la strada Cantonale, dove si è fermato senza provocare danni
Lugano

Lite nel traffico, i testimoni non fugano i dubbi

Alla sbarra in Pretura un 40.enne accusato di aver strattonato per i capelli una donna in via Maraini a Lugano – Sostiene di essersi solo difeso
Lugano