3/5

Maxi incidente a Tesserete, ma è solo un test

Si è tenuto oggi sul piazzale del'l'ex caserma un crash-test per mostrare l'efficacia del porto delle cinture di sicurezza, in particolare per i sedili posteriori

TESSERETE - Uno scontro tra due vetture, lamiere sparse ovunque e forze di polizia, pompieri, ambulanza, Rega e soccorso stradale in azione. È accaduto stamattina al piazzale dell'ex caserma militare di Tesserete ma, per fortuna, si è trattato solo di un crash-test, organizzato per mostrare l'efficacia del porto delle cinture di sicurezza per tutti gli occupanti di un veicolo e particolarmente per quelli sui sedili posteriori.

Se i dati dell'Ufficio Prevenzione Infortuni (UPI) relativi alle persone – conducente e passeggero – che siedono sui sedili anteriori sono confortanti, "lo stesso non si può certo dire per quanto avviene nel retro della vettura", fa sapere la Polizia cantonale. "Non allacciare le cinture sui sedili posteriori è un comportamento a rischio elevato che continua a mietere inutili vittime sulle nostre strade. In particolare sui brevi tragitti, quale può essere quello casa-scuola, che vede spesso protagonisti i bambini, o lo spostamento a corto raggio nei dintorni del domicilio". Una tendenza purtroppo confermata dai dati della Polizia cantonale relativi alle contravvenzioni.

  IL VIDEO

13 marzo 2018 13:22
Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

Gravi ferite per la giovane che ha mancato la piscina

La 19.enne svizzera è atterrata sul prato dopo un volo di circa 4 metri - L'infortunio è avvenuto a Curio, la vita della ragazza non sarebbe in pericolo
Lugano

Con le targhe “sbagliate” e senza patente si danno alla fuga

Un 42.enne italiano e una 28.enne turca, entrambi domiciliati nel Luganese, sono stati fermati questa notte a Melide dopo essere sfuggiti a un controllo
Lugano

Argo1: ex agente indagato anche in Italia

Il Tribunale penale federale concede l'assistenza giudiziaria alla vicina Penisola - L'uomo aveva fatto propaganda jihadista in Ticino e aiutato dei foreign fighters a raggiungere i territori dello Stato islamico
Lugano