3/5

Pambio, più vicino l'addio del Corona

Nei prossimi giorni sarà depositata la domanda di costruzione per la realizzazione di un centro commerciale al posto del locale a luci rosse

LUGANO - Le voci che circolavano da qualche mese sull'arrivo di un centro commerciale al posto del Club Corona di Pambio-Noranco hanno ora un riscontro concreto. Ieri sono state posizionate le modine sul terreno che si trova accanto alla semiautostrada di Lugano Sud e nei prossimi giorni sarà presentata la relativa domanda di costruzione. Nel futuro edificio troveranno posto una filiale di una catena di grossa distribuzione di alimentari e una di negozi specializzati in prodotti cosmetici e per la pulizia della casa. Sono previsti anche una settantina di posteggi esterni.
Per edificare il nuovo complesso dovranno però essere demolite le tre palazzine che attualmente ospitano il Club Corona. Che fine farà la storica attività a luci rosse? Di certo c'è che chiuderà i battenti non appena ci sarà la licenza edilizia, come ci ha confermato il proprietario del terreno. Si vedrà poi se i titolari intendono riprendere l'attività altrove o meno. In ogni caso, visti i tempi, non appare semplice trovare un'ubicazione alternativa per questo genere di attività.
Se non ci saranno lungaggini dovute a opposizioni, i lavori di edificazione del centro commerciale potrebbero essere completati in circa 15 mesi.

In arrivo un hotel

C'è un altro progetto che riguarda un edificio posto lungo lo svincolo autostradale di Lugano Sud, a qualche centinaio di metri dal Corona (con cui però non ha nessun nesso). Si tratta della conversione di un edificio commerciale in un hotel con una cinquantina di camere, in via Cassarinetta.

I particolari sul giornale
Edizione del 13 Febbraio 2018 a pagina 10
13 febbraio 2018 05:45
g.rec


Condividi

Prossimi articoli

Derubarono un taxista, andranno in carcere

Condannati un angolano di 33 anni e un portoghese di 25 che lo scorso ottobre presero di mira il guidatore di un taxi a Lugano
Lugano

Funicolare degli Angioli, restauro allo studio

Avviata la procedura volta idealmente a rimetterla in funzione - Il Municipio di Lugano ha concesso un credito di 36 mila franchi
Lugano