3/5

Quando lo straniero è visto come una minaccia

Da uno studio dell'Ufficio di statistica emerge che oltre il 35% dei ticinesi si sente insidiato sul lavoro

BELLINZONA – Oltre il 35% dei ticinesi dichiara di sentirsi minacciato sul piano occupazionale da uno straniero. Il dato nazionale non supera invece il 20%. È quanto emerge da uno studio pubblicato dall'Ufficio cantonale di statistica, che riporta i risultati di un'indagine sulla percezione dell'altro in diversi di contesti. «Allorché per il senso di minaccia "generale" non emergono differenze importanti tra l'intera Svizzera e la sua zona italofona, il dato che davvero spicca è quello che si riferisce al contesto specifico del mondo del lavoro» indica l'analisi. Per poi precisare: «In quest'ambito, gli stranieri sono considerati come una minaccia in misura di molto (e statisticamente significativa) maggiore nella Svizzera italiana».

Anche tu percepisci i lavoratori stranieri come una minaccia?

61%
No
37%
Non so
2%
Il sondaggio � stato chiuso il 11/07/2018
I particolari sul giornale
Edizione del 10 Luglio 2018 a pagina 6
10 luglio 2018 06:00
M.S.


Condividi

Prossimi articoli

Mario Botta in udienza dal Papa per il Premio Ratzinger

L'architetto ticinese in Vaticano per ricevere il riconoscimento - Insieme a lui anche la teologa bavarese Marianne Schlosser
Cantone

“Siamo in 5 in famiglia, ho ricevuto 10 schede”

Sono diverse le segnalazioni di ticinesi a cui hanno inviato due materiali di voto - Qualcuno teme possibili brogli
Cantone

“Consigliere, lei è andato in vacanza con…?”

La Commissione parlamentare d’inchiesta ha scritto a Beltraminelli, Bertoli, Gobbi, Vitta e Zali sulla base di alcune dichiarazioni di Sansonetti
Cantone