3/5

Delitto Odescalchi, alla sbarra per favoreggiamento

A processo a Bellinzona il fratello di uno dei cinque condannati per il delitto di Chiasso dell'ottobre 2015 - Avrebbe aiutato il congiunto a nascondersi

BELLINZONA - Processo interessante oggi in Pretura penale a Bellinzona davanti al presidente Marco Kraushaar. Alla sbarra, con l'accusa di favoreggiamento, c'è il fratello di una delle cinque persone condannate per il delitto di via Odescalchi a Chiasso l'8 ottobre 2015 in cui perse la vita un 35.enne portoghese. Il 33.enne, cittadino svizzero di origine kosovara, secondo la procuratrice pubblica Pamela Pedretti ha messo a disposizione del fratello, la notte dei fatti, un telefono cellulare e l'appartamento della compagna (nel frattempo condannata per favoreggiamento) nel Bellinzonese per nascondersi. L'imputato si è trincerato dietro diversi "non ricordo" negando quanto gli viene rimproverato. Nelle prime fasi dell'inchiesta, ha affermato, "non volevo dire la verità perché temevo di perdere il lavoro. Io non ho fatto niente e non volevo essere coinvolto in quanto accaduto". L'uomo è difeso dall'avvocatessa Maria Galliani e dalla MLaw Valentina Faggi.

La pp ha chiesto la condanna del 33.enne a una pena pecuniaria sospesa di 70 aliquote giornaliere da 80 franchi ciascuna: "L'ha fatto per amore fraterno, infischiandosene delle nostre leggi". Mentre la difesa si è battuta per il proscioglimento. La sentenza nel pomeriggio. Anche se non è escluso che il giudice rinvii gli atti al Tribunale penale cantonale.

I dettagli sul CdT in edicola domani.

11 luglio 2018 10:45
ADD


Condividi

Prossimi articoli

Altro che New York, è Castione

Quale modello urbanistico per il comparto della stazione FFS si è preso spunto anche dal Central Park della Grande Mela - Riferimenti pure ai complessi della periferia zurighese
Bellinzona

Bellinzona, occhiatacce alla videosorveglianza

Il Regolamento appena allestito dal Municipio è già criticato dalla Lega: "Scarsa trasparenza"
Bellinzona