3/5

Dopo Argo1, concorso bis per la sicurezza a Camorino

Dopo la decisione del Tribunale cantonale amministrativo, il Cantone lancia un secondo bando per i servizi al centro richiedenti l'asilo

BELLINZONA - Nuovo bando di concorso per la sicurezza al centro cantonale richiedenti l'asilo di Camorino. La seconda pubblicazione, giunta a seguito della decisione del Tribunale cantonale amministrativo in merito al ricorso sulla prima gara lanciata dal Dipartimento della sanità e della socialità per l'assegnazione dei servizi precedentemente garantiti da Argo1 (Vedi suggeriti), è stata annunciata oggi.

"In seguito al recente accoglimento da parte del Tribunale cantonale amministrativo del ricorso concernente il bando di concorso per i servizi di sorveglianza presso il centro cantonale richiedenti l'asilo di Camorino e presso altre eventuali strutture - si legge in una nota - il Dipartimento della sanità e della socialità ha indetto un nuovo concorso. Tenuto conto dalla sentenza del Tribunale amministrativo, il nuovo bando circoscrive l'attività al centro cantonale di Camorino. Considera altresì le ulteriori indicazioni formulate nel giudizio dell'autorità di ricorso, volte a meglio precisare alcuni aspetti del capitolato d'oneri. Si ricorda inoltre che nel frattempo la gestione operativa del centro è stata affidata a un partner terzo, segnatamente a Croce Rossa".

13 marzo 2018 14:27
Red. Online


Condividi

Articoli suggeriti

Asilo, accolto il ricorso contro il concorso per il servizio di sicurezza

Il bando prevedeva l'assegnazione della sorveglianza a Camorino che era precedentemente stata assunta da Argo1
Bellinzona

Asilo, un ricorso sul concorso per la sorveglianza

Oggi si dovevano aprire le offerte arrivate in seguito al bando per fornire i servizi di sicurezza nel centro cantonale d'accoglienza di Camorino, ma le buste sono rimaste chiuse
Cantone

Centro d`accoglienza di Camorino, sicurezza a concorso

Pubblicato il bando sul Foglio Ufficiale odierno - Richiesta flessibilità a dipendenza delle attribuzioni dei migranti che deciderà la Confederazione
Bellinzona