3/5

SUPSI e RSI lanciano l'App "Rete Tre GO"

L'applicazione permetterà agli utenti di sfidarsi per catturare i protagonisti dell'emittente radiofonica

MANNO - SUPSI e RSI lanciano l'App "Rete Tre GO" (ispirato al noto videogioco per smatphone Pokemon Go). Nata grazie alla collaborazione tra RSI e l'Istituto sistemi informativi e networking (ISIN) del Dipartimento tecnologie innovative (DTI) della SUPSI, l'applicazione permetterà agli utenti di sfidarsi per catturare i protagonisti di Rete Tre. I personaggi storici di Rete Tre sono riusciti a scappare attraversando l'etere e hanno invaso il territorio della Svizzera italiana. Sarà compito degli utenti, armati di radio-fionde, radio-droni o radio-razzi, catturarli e collezionarli attraverso i loro smartphone. È questa la storia virtuale che sta alla base dell'App "Rete Tre GO", rilasciata oggi e nata da un progetto di collaborazione promosso da Radiotelevisione Svizzera di Lingua Italiana (RSI) e realizzato dall'Area di Ricerca in Audio Visual Processing e Immersive Multimedia (AVIM) del Dipartimento tecnologie innovative (DTI) della SUPSI.

Allo sviluppo del progetto hanno inoltre contribuito le studentesse SUPSI Samia Hakmi e Sofia Geronzi nel contesto del Master of Science in Engineering. Il concept e la realizzazione dei personaggi 3D sono stati curati da Stelex Software Sagl. Il lancio dell'App è accompagnato da un concorso che si svolge dal 6 al 31 agosto 2018 e permette al pubblico un'esperienza partecipativa e interattiva nella quale ritrovare, riconoscere o conoscere per la prima volta alcuni dei personaggi che hanno fatto la storia di Rete Tre ma in chiave moderna, sfruttando la realtà aumentata e la geolocalizzazione. I partecipanti dovranno catturare, attraverso l'App "Rete Tre GO", quindici personaggi di Rete Tre che nella narrazione del gioco sono scappati dallo studio radiofonico.

07 agosto 2018 09:53
Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

Il leopardo finisce nel piatto

Nei menu di ristoranti, bar e pasticcerie si trovano diversi cibi ispirati al Locarno Festival: tutti da gustare - FOTO
Curiosità