3/5

In questi giorni troppi inquinanti nell'aria

Le concentrazioni di ozono registrate hanno superato di una volta e mezzo il limite stabilito - Anche oggi previsti valori elevati - Ecco alcune raccomandazioni

BERNA - Le concentrazioni di ozono registrate ieri in Svizzera presso diverse stazioni di misura hanno superato il valore di 180 microgrammi per metro cubo (μg/m³), che corrisponde a una volta e mezzo il valore limite d'immissione stabilito dall'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico. Tenuto conto delle previsioni meteorologiche, sono da prevedere elevate concentrazioni di questo inquinante atmosferico anche per la giornata odierna. I servizi cantonali per la protezione dell'ambiente raccomandano pertanto di evitare sforzi fisici intensi all'aperto e invitano la popolazione ad agire di conseguenza per ridurre le emissioni di inquinanti, ad esempio mettendo in pratica le raccomandazioni descritte più avanti nel testo.

Raccomandazioni di comportamento in caso di alte concentrazioni di ozono nell'aria

• Il soggiorno all'aria aperta per per fare una passeggiata, un bagno o un picnic, non crea problemi particolari. Le persone sensibili rischiano tuttavia di subire irritazioni alle mucose degli occhi, del naso e della gola. I bambini, i giovani e gli adulti sensibili che svolgono attività fisiche intense rischiano inoltre di subire una riduzione della loro capacità polmonare.

• Le manifestazioni sportive, gli sport di resistenza e le attività fisiche intense all'aria aperta dovrebbero essere pianificate in modo tale che gli sforzi maggiori siano prodotti quando le concentrazioni sono inferiori (in genere il mattino). Le persone che lamentano sintomi dovuti alla presenza dell'ozono non devono essere obbligate a compiere sforzi fisici eccessivi.

• Anche le temperature elevate possono avere ripercussioni sulla salute e influenzare in modo importante la condizione psicofisica. Persone anziane, bambini e malati cronici sono tra i gruppi più a rischio. In generale si consiglia di evitare sforzi fisici e di bere molta acqua.

Per migliorare la situazione dell'inquinamento atmosferico ognuno di noi può:

• spostarsi a piedi, in bicicletta o con i trasporti pubblici, rinunciando all'uso dell'automobile;

• evitare l'utilizzo dell'auto per tragitti non indispensabili e in generale servirsi di veicoli a basse emissioni;

• condividere l'auto con una o più persone invece che viaggiare da solo;

• utilizzare preferibilmente scooter con motore a quattro tempi oppure elettrico;

• impiegare prodotti poveri o addirittura privi di solventi (vernici all'acqua, prodotti di pulitura, colle, spray aerosol e prodotti di trattamento del legno);

• utilizzare apparecchi da giardinaggio e da bricolage elettrici e non alimentati a benzina.

Lotta contro lo smog estivo in Svizzera

L'ozono è presente in alte concentrazioni durante le giornate soleggiate e calde, e si forma a partire dai suoi cosiddetti precursori, in particolare ossidi di azoto (NOx) e composti organici volatili (COV). Le fonti principali di questi precursori sono il traffico motorizzato e il settore dell'industria e dell'artigianato. A partire dal 1985 le emissioni di NOx e di COV sono diminuite del 60, rispettivamente del 70%. Ciò nonostante, le concentrazioni di ozono nell'aria non sono diminuite in egual misura a causa della complessità delle reazioni fotochimiche coinvolte nel processo di formazione dell'ozono stesso. Per contro la diminuzione delle emissioni svizzere di NOx e COV hanno permesso di ridurre i picchi massimi delle concentrazioni di ozono. 

Per garantire un'efficace riduzione dello smog estivo sono tuttavia necessari dei provvedimenti a lungo termine sia a livello svizzero che internazionale. Tra questi spicca ad esempio l'introduzione e l'utilizzo su larga scala della migliore tecnologia disponibile per il contenimento delle emissioni delle fonti inquinanti. Oltre ai provvedimenti di competenza della Confederazione, i singoli Cantoni possono ridurre ulteriormente le concentrazioni di ozono attraverso l'implementazione di Piani di risanamento dell'aria i quali, nel caso di Cantoni di frontiera come il Ticino, prevedono anche la collaborazione internazionale quale strumento per la lotta contro lo smog estivo.

La situazione attuale

Una panoramica sulla situazione attuale dell'inquinamento da ozono in Svizzera è consultabile online all'indirizzo Ozon Info a cura della Società svizzera dei responsabili della protezione dell'aria (Cercl'Air) oppure sulla Homepage dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM). L'applicazione per Smartphone "airCHeck", scaricabile gratuitamente da App store e Google play, fornisce inoltre in tempo reale la situazione dell'inquinamento atmosferico per la Svizzera e il Liechtenstein. Da quest'anno anche l'applicazione MeteoSwiss fornisce le informazioni attuali sulla qualità dell'aria all'interno della sua rubrica salute (App store e Google play).

10 luglio 2018 10:53
Red.Online


Condividi

Prossimi articoli

Motociclista centra un cervo in mezzo alla strada

L'incidente a Cazis (GR): l'uomo è rimasto ferito, l'animale è stato colpito anche da un furgone ed è morto
Cronaca

Cassa malati: l'aumento dei premi sarà inferiore al 3%

Lo ha reso noto Santésuisse, specificando che nel 2019 potranno approfittare della diminuzione numerosi giovani tra i 19 e i 25 anni d'età
Cronaca

Da Berna a Zurigo, le trasmissioni SRF cambiano sede

È quanto deciso nella seduta del CdA - Gilles Marchand: "Il servizio pubblico deve costantemente adeguarsi alle nuove condizioni"
Cronaca