3/5

Hanno commesso furti in quaranta chiese: arrestati

Due ventenni di nazionalità ceca hanno "ripulito" le cassette delle offerte dei fedeli sottraendo centinaia di franchi

COIRA - Due cittadini di 20 e 23 anni originari della Repubblica Ceca e giunti in Svizzera per cercare lavoro, sono stati arrestati martedì dalla Polizia retica a Tavanasa, con l'accusa di aver messo in atto una serie di furti in una quarantina di chiese della regione e di altri Cantoni. Entrambi hanno già ammesso i fatti.  Fermati durante un regolare controllo stradale, gli agenti hanno rinvenuto sul loro veicolo attrezzi per lo scasso e un bottino di centinaia di franchi che la coppia criminale aveva sottratto da numerose cassette delle offerte dei fedeli. Sono stati denunciati alla Magistratura grigionese.

 

L'area in cui è avvenuto l'arresto.

14 giugno 2018 11:00
Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

USA: i collaboratori della ZKB si sono dichiarati colpevoli

Rischiano fino a un anno di carcere i due dipendenti della Banca cantonale di Zurigo accusati di reati fiscali negli Usa
Cronaca

Cartella elettronica: Basilea Città apre la strada

Il sistema informatizzato per rendere i dati sanitari dei pazienti più accessibili è stato introdotto ufficialmente oggi
Cronaca

Parlamento: multe all'estero ancora deducibili fiscalmente

Questo è possibile se violano la nozione di ordine pubblico svizzero, se puniscono un atto che non sarebbe sanzionabile da noi oppure se oltrepassano il massimo previsto dal diritto elvetico
Cronaca