3/5

Argovia, eritreo ucciso da un connazionale

Il presunto accoltellatore è stato arrestato dopo essersi recato in ospedale a farsi medicare una ferita a una mano

GIPF-OBERFRICK (AG) - Un eritreo di 46 anni ieri sera è stato ucciso a coltellate da un connazionale di 26 anni a Gipf-Oberfrick, in Argovia. Il presunto accoltellatore è stato arrestato dopo essersi recato in ospedale a farsi medicare una ferita a una mano. È per ora ignoto il motivo del gesto. Teatro del delitto è un immobile del Comune argoviese dove alloggiano richiedenti asilo e persone in assistenza. La polizia è stata allarmata verso le 19.30 da un inquilino che ha notato macchie di sangue. Gli agenti arrivati sul posto hanno trovato il corpo senza vita del 46.enne in cantina.

Il cadavere presentava diverse ferite da taglio provocate presumibilmente da un coltello. La vittima è stata in seguito identificata e le forze dell'ordine si sono messe alla ricerca del presunto accoltellatore. L'uomo si è recato all'ospedale di Laufenburg con un taglio alla mano ed è stato arrestato dopo aver ricevuto le cure del caso. Secondo quanto ha reso noto la polizia, i due alloggiavano in camere dell'immobile dov'è avvenuto il delitto. Uno era titolare di un permesso di dimora annuale, l'altro di un permesso per persone ammesse provvisoriamente. Al momento non è dato sapere chi dei due avesse quale permesso. La procura di Rheinfelden-Laufenburg ha avviato un'inchiesta penale.

12 aprile 2018 13:35
ats


Condividi

Prossimi articoli

Lieve aumento delle pensioni dal 2019

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, dopo alcuni anni di stagnazione la rendita minima AVS passerà da 1.175 franchi al mese a 1.185 e quella massima da 2.350 franchi a 2.370
Cronaca

Agevolare la permanenza in Svizzera degli stranieri qualificati

La Camera del popolo con 143 sì e 41 no ha approvato una mozione in tal senso del consigliere nazionale Marcel Dobler (PLR/SG) per i settori dove ce n'è penuria
Cronaca

Nell'Amministrazione federale si parla ancora poco italiano

Centro studi sulla democrazia di Aarau: la promozione del plurilinguismo nell'Amministrazione federale funziona
Cronaca