3/5

Jean-Philippe Gaudin a capo dei servizi segreti

Il Consiglio federale l'ha nominato oggi direttore del SIC - Il vodese succede a Markus Seiler, nominato a dicembre segretario generale del DFAE

BERNA - Il Consiglio federale ha nominato oggi Jean-Philippe Gaudin come direttore del Servizio delle attività informative della Confederazione, con effetto dal 1° luglio 2018. Gaudin succederà a Markus Seiler, che il 1° dicembre 2017 ha assunto la funzione di segretario generale del DFAE.

Gaudin, nato il 20 novembre 1962 a Chevilly (VD), ha conseguito il diploma di commercio a Losanna. Successivamente ha svolto la funzione di manager presso l'Ufficio del turismo e dei congressi di Montreux e il 1° gennaio 1987 è entrato nel Corpo degli istruttori delle truppe meccanizzate e leggere. Oltre a diversi impieghi come istruttore d'unità nelle scuole delle truppe leggere e come capoclasse nella scuola ufficiali, nel 2000 è stato al comando di un'unità di approvvigionamento dell'OSCE in Bosnia e Erzegovina. Nel 2003 ha assolto un soggiorno di studio presso il Defence College della NATO a Roma, dopodiché ha assunto diverse funzioni di condotta nel Servizio informazioni militare. Il 1° settembre 2005 è stato nominato sostituto del capo del Servizio informazioni militare. Nel quadro di tale funzione ha assolto l'International intelligence director's course presso il Defence College di Chicksands (GB) e un perfezionamento presso l'Institut des hautes études de défense nationale di Parigi. Il 1° giugno 2008 è stato nominato dal Consiglio federale capo del Servizio informazioni militare, con contemporanea promozione al grado di brigadiere. Nel 2010 ha assolto il NATO generals, flag officers & ambassadors course a Bruxelles. Dal 1° gennaio 2016 è addetto alla difesa a Parigi con il grado di divisionario. Nel quadro della nuova funzione, il rapporto di impiego di Jean-Philippe Gaudin sarà retto dalle disposizioni del diritto del lavoro per il personale civile del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport.

11 aprile 2018 14:34
Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

“Non ero più in sintonia con il Consiglio federale”

Così l'ex ministro degli Esteri Didier Burkhalter ha spiegato la sua decisione di lasciare l'Esecutivo - "Sull'esportazione di armi e la parità salariale avevo altre idee"
Cronaca

Controllarono un uomo di colore, assolti tre poliziotti

Il processo si è riaperto una settimana fa davanti al Tribunale distrettuale di Zurigo dopo una lunga serie di ricorsi: non ci fu alcuna discriminazione razziale
Cronaca

Per bulgari e rumeni mercato svizzero ancora limitato

Il Consiglio federale ha deciso di mantenere per un anno supplementare il contingente di permessi B
Cronaca