3/5

Scassinate e svuotate 22 cassette di sicurezza

Il fatto è accaduto in una filiale della banca Raiffeisen a Basilea - Ignoti le circostanze del fatto e il valore dei beni rubati

BASILEA - Ladri ignoti hanno misteriosamente svuotato 22 cassette di sicurezza di una filiale della banca Raiffeisen a Basilea. Oltre alle circostanze del furto, è sconosciuto anche il valore complessivo dei beni rubati.

Il fatto è venuto alla luce in seguito a una denuncia presentata a inizio settimana da un cliente che aveva notato la mancanza di oggetti di valore e denaro depositati nella sua cassetta, ha riferito all'ats il portavoce del Ministero pubblico basilese Peter Gill, confermando notizie apparse oggi sui giornali "Schweiz am Wochenende" e "Südostschweiz am Wochenende".

In seguito alle indagini è emerso che anche altre cassette sono state interessate da furti. Al momento non è chiaro come i ladri siano stati in grado di accedervi ripetutamente, ha detto Gill, sottolineando la loro ingegnosità.

I clienti danneggiati sono stati tutti informati, ha riferito Raiffeisen. Secondo la banca l'impianto è stato manipolato da persone non autorizzate.

Il Ministero pubblico non ha fornito informazioni in merito al valore dei beni rubati. Secondo Gill, le casseforti si trovano al piano sotterraneo dell'istituto. Il cliente accede a un piccolo locale, aperto 24 ore su 24, sette giorni alla settimana, dove con un codice d'identificazione personale può far salire automaticamente la cassetta. Quest'ultima torna di sotto una volta terminata l'operazione.

10 marzo 2018 16:07
Red. Online/ats


Condividi

Prossimi articoli

Motociclista centra un cervo in mezzo alla strada

L'incidente a Cazis (GR): l'uomo è rimasto ferito, l'animale è stato colpito anche da un furgone ed è morto
Cronaca

Cassa malati: l'aumento dei premi sarà inferiore al 3%

Lo ha reso noto Santésuisse, specificando che nel 2019 potranno approfittare della diminuzione numerosi giovani tra i 19 e i 25 anni d'età
Cronaca

Da Berna a Zurigo, le trasmissioni SRF cambiano sede

È quanto deciso nella seduta del CdA - Gilles Marchand: "Il servizio pubblico deve costantemente adeguarsi alle nuove condizioni"
Cronaca