3/5

"Danno enorme abolire la libera circolazione"

Lo sostengono le parti sociali dell'industria MEM, che fanno fronte comune contro l'iniziativa lanciata dall'UDC

BERNA - Le parti sociali dell'industria metalmeccanica ed elettrica (industria MEM) sono concordi nel ritenere che gli accordi bilaterali I rivestano grande importanza per l'industria MEM della Svizzera. Si oppongono pertanto congiuntamente e con determinazione all'iniziativa per l'abolizione della libera circolazione delle persone lanciata dall'UDC e ai recenti attacchi che i democentristi hanno sferrato contro il partenariato sociale. L'iniziativa chiede la disdetta della libera circolazione con l'UE e pertanto provocherebbe automaticamente il venir meno di tutti gli accordi bilaterali I. Il danno economico per l'industria MEM e per tutti gli occupati attivi nel ramo sarebbe enorme.

14 febbraio 2018 11:10
ats


Condividi

Prossimi articoli

"AutoPostale non ci riguarda"

I chiarimenti del Ministero pubblico della Confederazione e della Procura generale di Berna sulla gestione del caso: compete all'Ufficio federale dei trasporti
Cronaca

“No Billag”, il 65 % si oppone, ma in Ticino c'è parità tra sì e no

Ecco i risultati dell'indagine commissionata dalla SSR sul voto del 4 marzo - Larga maggioranza di favori per il nuovo regime finanziario
Cronaca

Trasferiti a Zurigo i quattro "Pink Panther"

I membri della banda sono stati arrestati a Lugano lunedì - La Procura ne ha decretato la detenzione preventiva
Cronaca