3/5

"Danno enorme abolire la libera circolazione"

Lo sostengono le parti sociali dell'industria MEM, che fanno fronte comune contro l'iniziativa lanciata dall'UDC

BERNA - Le parti sociali dell'industria metalmeccanica ed elettrica (industria MEM) sono concordi nel ritenere che gli accordi bilaterali I rivestano grande importanza per l'industria MEM della Svizzera. Si oppongono pertanto congiuntamente e con determinazione all'iniziativa per l'abolizione della libera circolazione delle persone lanciata dall'UDC e ai recenti attacchi che i democentristi hanno sferrato contro il partenariato sociale. L'iniziativa chiede la disdetta della libera circolazione con l'UE e pertanto provocherebbe automaticamente il venir meno di tutti gli accordi bilaterali I. Il danno economico per l'industria MEM e per tutti gli occupati attivi nel ramo sarebbe enorme.

14 febbraio 2018 11:10
ats


Condividi

Prossimi articoli

Il braccio di una gru cade su un treno regionale

Il sinistro è avvenuto stamane su un convoglio che stava percorrendo la tratta Turgi-Aarau - La macchinista ha riportato un forte choc ma è rimasta illesa - Tutti indenni i 45 passeggeri
Cronaca

Suicidio assistito in ospedali e case per anziani

Nel canton Ginevra il Gran Consiglio ha adottato una modifica legislativa improntata sul modello varato a Vaud nel 2012
Cronaca

C'è ancora rischio di frane, la Val Bondasca resta chiusa

Lo sbarramento vale per chiunque: turisti, cacciatori e proprietari di cascine - La popolazione è stata informata ieri sera nel corso di un'assemblea
Cronaca