3/5

Suicidi assistiti in aumento nel 2017

Exit ha accompagnato alla morte 734 persone lo scorso anno: 11 in più rispetto all'anno precedente

ZURIGO - L'organizzazione di assistenza al suicidio Exit Svizzera tedesca (alla quale fa capo anche il Ticino) ha "accompagnato alla morte" l'anno scorso 734 persone, 11 in più rispetto al 2016. Il numero di affiliati è salito a 110'391, con 10'078 nuove adesioni.

In base ai dati pubblicati oggi, nel corso del 2017 Exit ha ricevuto circa 3500 richieste per il suicidio assistito. I casi che hanno portato all'apertura di un incarto stati 1031, in crescita rispetto ai 991 casi dell'anno precedente. Dopo gli accertamenti del caso sono state 734 le persone che hanno deciso di "ridurre le proprie sofferenze con l'aiuto di Exit", scrive oggi l'organizzazione in una nota.

Il 60% dei suicidi assistiti hanno riguardato donne e il 40% uomini. L'età media delle persone "accompagnate verso la morte" era l'anno scorso di 78,1 anni, in crescita rispetto ai 76,7 anni del 2016. I motivi principali delle richieste sono stati tumori allo stadio terminale, malattie legate alla vecchiaia e patologie che provocano dolori cronici.

Il maggior numero di suicidi assistiti è stato registrato nel canton Zurigo. Seguono Berna, Argovia, San Gallo, Basilea Città e Basilea Campagna. Complessivamente il tasso di suicidi assistiti raggiunge l'1,5% dei circa 66'000 decessi che si registrano annualmente in Svizzera, scrive ancora Exit nella nota.

13 febbraio 2018 10:19
ats


Condividi

Prossimi articoli

Uri, motociclista cade e finisce contro il guard rail

L'incidente della circolazione stradale ha avuto luogo a Hospental sulla strada del passo del San Gottardo - La due ruote con targhe ticinesi
Cronaca

Caso Autopostale, il gigante giallo rimborserà 205 milioni

RISARCIMENTO - Accordo tra l'UFT, la Conferenza dei direttori cantonali dei trasporti e Posta svizzera - Al Ticino 14,8 milioni
Cronaca

Decisione su rapporti Svizzera-UE settimana prossima

Cassis ha sottolineato più volte nei mesi scorsi la necessità di giungere a un'intesa entro fine 2018, per evitare che i negoziati slittino al 2019, quando si voterà nel nostro Paese come nell'Unione
Cronaca