3/5

Le Olimpiadi di Lara Gut stanno per cominciare

La ticinese in gara stanotte nel gigante: “Voglio solo migliorarmi, non penso alla vittoria”

PYEONGCHANG (Dal nostro inviato) - Le Olimpiadi di Lara Gut stanno per cominciare. Arrivata a Pyeongchang settimana scorsa assieme a una nutrita truppa di Swiss Ski, la ticinese ha trascorso gli ultimi giorni serenamente, fra un allenamento (al freddo) e l'altro. Ora, si comincia a fare sul serio. Bronzo a Sochi 2014 in discesa, la sciatrice di Comano farà il suo debutto ai Giochi coreani questa notte, nel gigante femminile (prima manche in programma alle 2.05 ora svizzera), una disciplina che ultimamente non ha saputo regalarle soddisfazioni. "Non ho il livello che avevo a Sölden nel 2016, quando vinsi con più di un secondo di vantaggio – le parole di Lara a Casa Svizzera, sorridente e tranquilla -. D'altronde, in questo momento ho meno chilometri nelle gambe. Il gigante è una questione di timing: ci sono manche dove scio bene e trovo le linee giuste, altre meno. Ma non ho ancora il passo e il ritmo giusti per provare a vincere in questa specialità. Quello che mi manca in questo momento, è riuscire a sciare veloce. Ma il gigante è così, va allenato e preparato. Per questo a fine stagione, nel mese di aprile, lavorerò su questa disciplina. Fino ad ora non ho avuto il tempo per allenarmi, le gare sono troppo fitte e inoltre sono reduce da un lungo infortunio". Già, l'infortunio al ginocchio subito ai Mondiali di St. Moritz che l'ha tenuta lontano per mesi e mesi. E che l'ha cambiata nel profondo. "La cosa più importante non è il successo – prosegue Lara, vittoriosa a metà gennaio in superG a Cortina d'Ampezzo -. La cosa più importante per me è riuscire a sciare come voglio. Ciò che mi mancava di più durante la riabilitazione non era il gusto di arrivare prima, bensì riuscire a tradurre in pista le mie potenzialità. Nella mia testa immaginavo le curve, quelle che ancora non riesco ad attaccare durante il gigante. Sogno di tornare a sciare come so di poter fare in questa disciplina". Il gigante come aperitivo, dunque. Lara Gut è pronta per le sue Olimpiadi e tutta la Svizzera attende con impazienza le gare veloci, dove la ticinese può dare il meglio di sé in questo momento. Appuntamento quindi nel cuore della notte per la prima gara a Pyeongchang della campionessa di Comano.

11 febbraio 2018 14:34
Giona Carcano


Condividi

Prossimi articoli

Hirscher, oro olimpico anche in gigante

Dopo la combinata, bis dell'austriaco davanti a Kristoffersen e Pinturault - Miglior svizzero Meillard, al 9. posto
Sci

Nel fondo ancora un oro per la Norvegia

Vittoria nella 4x10 km maschile dopo il trionfo in campo femminile - La Svizzera ha chiuso in 11. posizione
Sci

Folle superG: vince Ledecka, Lara Gut quarta a un centesimo

OLIMPIADI - Enorme delusione per la ticinese, in lacrime a fine gara: "È un momento difficile"
Sci