3/5

Josi e Fiala: “Delusi sì, ma motivati”

I due svizzeri dei Nashville Predators sono arrivati ai Mondiali di Copenaghen - Debutteranno già questa sera

COPENAGHEN – Roma Josi e Kevin Fiala, le due stelle elvetiche dei Nashville Predators, sono atterrati questa mattina in Danimarca. Il loro debutto ai Mondiali avverrà già stasera contro la Svezia (ore 20.15).

Evidentemente provati dal lungo viaggio e dal jet lag, i due rossocrociati hanno brevemente incontrato i media nell'hotel della squadra: "Sto bene", dice Roman Josi, uno dei migliori difensori al mondo. "Sono riuscito a dormire in aereo, il che non è male. C'è ovviamente ancora la delusione per l'eliminazione nei playoff con i Predators, soprattutto perché dopo una grande regular season le aspettative erano alte. Perdere la semifinale di Conference contro Winnipeg in gara-7, davanti ai nostri tifosi, è stato frustrante e questo sentimento non può essersene andato dopo soli due giorni. Ora ho l'occasione di rifarmi con la Nazionale. Durante i playoff non ho mai pensato a cosa avrei fatto in caso di eliminazione, perché l'attenzione era tutta rivolta al presente. Appena si è chiusa la stagione con Nashville, però, per me è stato facile decidere di venire a Copenaghen. Indossare la maglia della Svizzera mi dà sempre grandi emozioni. La squadra si sta comportando bene. Non ho guardato tutte le partite, ma qualcosa ho visto e devo dire che i ragazzi stanno giocando molto bene, proponendo un hockey piacevole, divertente. La chimica è eccellente, mi rallegro di poter entrare in un gruppo così. Proverò a fare ciò di cui sono capace, parlerò con Fischer e insieme troveremo il modo giusto per integrarmi. Conosco già la maggior parte dei miei compagni e sono estremamente motivato".

Sulla stessa lunghezza d'onda l'attaccante Kevin Fiala: "Non è evidente metabolizzare l'eliminazione. Soprattutto all'inizio ho provato molta rabbia, anche sul piano personale: dopo una buona regular season, infatti, nei playoff non ho reso come speravo, così come tutta la mia linea. I Mondiali sono un nuovo capitolo e proverò a dare una mano per vincere una medaglia. Sono un giocatore offensivo, spero di poter dare un contributo in termine di reti e assist. Sono motivato, la squadra è ottima. Ha dato del filo da torcere alla Russia e questo significa qualcosa".

13 maggio 2018 12:47
Fernando Lavezzo


Condividi