3/5

Wick abbatte il Lugano all’overtime

I bianconeri perdono gara-2 della finale all’Hallenstadion e ora sono sotto 2-0 nella serie

ZURIGO – Colpo duro per il Lugano all'Hallenstadion. I bianconeri perdono gara-2 della finale all'overtime, trafitti al 77' da Wick per il definitivo 5-4. Gli ZSC Lions conducono ora la serie per 2-0 e sono a due sole zampate dal titolo. I padroni di casa sono stati migliori del Lugano nei primi 60 minuti, durante i quali i ragazzi di Ireland hanno saputo comunque sopravvivere pur inseguendo costantemente il disco. Nel supplementare, poi, sono stati Lapierre e compagni a fare di più. Ma non è bastato per evitare l'amarissimo epilogo.

Primo tempo
Sin dai primi cambi il Lugano fa capire di voler mettere più pressione sulla porta avversaria rispetto a gara-1, andando al tiro appena ne ha l'occasione. A passare in vantaggio al 3'52'' sono però i padroni di casa con Kevin Klein, libero di infilare comodamente in rete un disco respinto dalla balaustra di fondo. Merzlikins e Furrer sono entrambi in ritardo. Fortunatamente la reazione dei bianconeri non si fa attendere: recuperando un disco in zona neutra, Lajunen lancia il due contro uno di Hofmann e Lapierre, con quest'ultimo a realizzare l'1-1 al 6'11''. I bianconeri continuano a impegnare Flüeler, ma ogni volta che si impadronisce del disco lo Zurigo fa paura. Al 12'18'' Kenins si infila tra le maglie avversarie e sfruttando l'immobilismo di Sanguinetti fredda Elvis per il nuovo vantaggio dei Lions. La situazione si complica al 13'40'', quando Zorin viene penalizzato, ma con l'uomo in meno Sannitz parte in break e serve perfettamente Reuille per il 2-2 al 14'36''. Per il veterano Sébastien è la quinta rete di questi playoff, addirittura la terza in "shorthand".

Secondo tempo
La frazione centrale non potrebbe cominciare meglio per il Lugano, che dopo soli 13 secondi passa per la prima volta in vantaggio: Lapierre disturba l'impostazione di Phil Baltisberger e il disco arriva nello slot, dove la punta del bastone di Hofmann lo indirizza in rete per il 2-3. I padroni di casa, però, ritrovano rapidamente gioco e fiducia contro una difesa bianconera spesso in affanno. Al 26' i bianconeri godono per la prima volta di una superiorità numerica (fuori Künzle), ma appena 28 secondi dopo viene punito anche Johnston. Al 28'08'', quando lo zurighese rientra, i Lions trovano così il pareggio in power-play con Dave Sutter, che anticipa tutti toccando in rete un disco rimasto sulla linea e perso di vista da Merzlikins. Alla mezz'ora la squadra di Ireland spreca una situazione di 5 contro 4, poi torna a ballare pericolosamente nella sua zona. Al 37' Ronchetti si fa male alla spalla e rientra negli spogliatoi. Nel cambio successivo Merzlikins sventa con un riflesso un tocco ravvicinato di Chris Baltisberger.

Terzo tempo
Si mette subito male per il Lugano. Al 40'47'' Sannitz rimedia una penalità evitabilissima, protestando dopo essere stato allontanato dall'ingaggio (nel secondo tempo era stato avvisato dagli arbitri). Lo Zurigo non si fa pregare e al 41'32'' realizza il 4-3 con un tiro al volo di Shore che beffa l'impreciso Merzlikins tra i gambali. Le penalità si susseguono. Al 43'11'' tocca a Morini accomodarsi sulla panchina dei cattivi: il box-play ospite soffre parecchio, ma stavolta se la cava. Dopo due minuti a 4 contro 4 per le reciproche scorrettezze tra Suter e Johnston, al 47'25'' è Sanguinetti a lasciare i compagni con un uomo in meno. Anche stavolta il Lugano se la cava. Chi spreca paga e al 52'08'' Sannitz pareggia in power-play, appena 8 secondi dopo il fallo di Schäppi su Lapierre. Al 53'17'' Ulmer e Prassl vengono alle mani, beccandosi entrambi un 2'+2'. Al 58'40'' Bertaggia ha sul bastone il colpo del k.o., servitogli perfettamente da Cunti, ma lo spreca clamorosamente a tu per tu con Flüeler. Si va dunque al supplementare.

Overtime
C'è subito da soffrire per il Lugano, con Walker punito al 61'13'' per un colpo di bastone. I bianconeri se la cavano anche stavolta, diventando in seguito la squadra più pericolosa in pista a suon di rapide ripartenze. La prima grande occasione dell'overtime capita però a Suter al 67'51'': Merzlikins è super nell'uno contro uno. Scampato il pericolo il Lugano torna all'assalto, installandosi a lungo nel terzo offensivo, ma manca il guizzo decisivo. A chiudere la contesa, dopo una lunga fase di possesso nella zona difensiva bianconera, ci pensa allora Roman Wick al 77' con un preciso tiro all'incrocio.

Tabellino

ZURIGO - LUGANO 5-4 d.s. (2-2, 1-1, 1-1, 1-0)

Reti: 4' Klein (Kenins,) 1-0; 7' Lapierre (Hofmann) 1-1; 13' Kenins 2-1; 15' Reuille (Sannitz, in 5c4! , esp. Zorin) 2-2; 21' Hofmann 2-3; 29' D. Sutter (Wick, in 5c4, esp. Johnston) 3-3; 41'32 Shore (Klein) 4-3; 53' Sannitz (Walker, in 4c5, esp. Schäppi) 4-4; 77' Wick (Kenins) 5-4.

Spettatori: 11.200. Arbitri: Koch, Wehrli; Kovacs, Obwegeser. Penalità: 6x2' c Zurigo,9x2' c. Lugano.

ZSC Lions: Flüeler; P. Baltisberger, Klein; Geering, Sutter; Marti, Berni; Guerra; Korpikoski, Suter, Pettersson; Kenins, Shore, Wick; Herzog, Schäppi, C. Baltisberger; Miranda, Prassl, Künzle; Pestoni.

Lugano: Merzlikins; Furrer, Johnston; Vauclair, Sanguinetti; Wellinger, Ulmer; Ronchetti; Hofmann, Lajunen, Lapierre; Reuille, Sannitz, Walker; Romanenghi, Cunti, Fazzini; Bertaggia, Morini, Vedova; Zorin.

Note: ZSC senza Blindenbacher, Nilsson, Sjögren, Vey (tutti infortunati), Bachofner, Pelletier, Seger, Karrer, Hinterkircher (tutti in sovrannumero). Lugano privo di Chiesa, Bürgler, Brunner (infortunati), Klasen, Etem, Riva (in sovrann.). Infortunio a Ronchetti al 38'.

 

 

14 aprile 2018 23:25
Red. Sport


Condividi

Prossimi articoli

Clima d'agosto, ma è finale di hockey

Gara 5 tra Lugano e ZSC Lions alla Resega - Bobbi Sanguinetti in pista, Linus Klasen ancora in tribuna
Hockey

Biasca sorride alla Nazionale

I ragazzi di Patrick Fischer si sono imposti contro la Norvegia per 3-0
Hockey

Il Lugano non molla mai

I bianconeri vincono gara-5 per 4-0 e riaprono la finale con lo Zurigo – Atmosfera da pelle d'oca alla Resega
Hockey