3/5

Un punto per il Lugano di Abascal

Dopo la rete di Carlinhos in apertura di confronto, i bianconeri si sono fatti sorprendere nel finale dal Thun

LUGANO - La notizia positiva è che il Lugano ha interrotto la striscia di sei sconfitte consecutive costata la panchina a Pierluigi Tami. Quella negativa è che i bianconeri - dopo un inizio pimpante - si sono lentamente spenti incappando nei soliti errori.

Un esordio bello solo a metà, dunque, per Guillermo Abascal. Il tecnico spagnolo ex Chiasso contro il Thun non ha stravolto la formazione rispetto al recente passato: difesa a tre, centrocampo a cinque e Janko con Junior là davanti. I bianconeri sono passati in vantaggio dopo pochi secondi con Junior, bravi a sfruttare di testa una punizione di Mariani.

I bernesi, poco produttivi e sulle gambe, non sono invece riusciti a creare il minimo pericolo nel primo tempo davanti alla porta difesa da Kiassumbua. E così Janko, ancora su un servizio di Mariani, ha fatto gridare al raddoppio ma la sua capocciata del cobra si è schiantata contro la traversa. Nella ripresa, almeno inizialmente, il Lugano ha continuato a fare la partita: Junior ha addirittura avuto la palla del due a zero ma ha calciato alto.

Il Thun cambio dopo cambio ha trovato coraggio, mettendo in seria difficoltà Sabbatini e compagni. A dieci minuti dalla fine Da Silva, subentrato a Tosetti, ha trovato il pareggio con la complicità di Kiassumbua e - soprattutto - Amuzie, immobile. E il risultato non è più cambiato. Peccato, perché questa sembrava la partita giusta per tornare a muovere davvero la classifica. Invece la lotta è ancora accesissima è mercoledì c'è la sfida capitale del Tourbillon contro il Sion.

Le parole dei protagonisti di Lugano-Thun

Sulmoni: "Ripartiamo da qui" - Abascal: "Il bicchiere è mezzo pieno"

"Dobbiamo ripartire da questo punto che ha mosso la classifica dopo sei sconfitte e continuare con lo stesso entusiasmo per le prossime partite". Fulvio Sulmoni vede il bicchiere mezzo pieno dopo il pareggio raccolto a Cornaredo contro il Thun anche se non tutto è filato liscio: "È vero - conferma il difensore -. Dobbiamo migliorare nella gestione della gara perché ad esempio nella ripresa abbiamo lasciato troppo spazio ai nostri avversari".

Guillermo Abascal, al suo debutto sulla panchina bianconera, è piuttosto soddisfatto di quanto visto dai suoi ragazzi. "Il punto fa bene, non dimentichiamoci che il Lugano arrivava da sei sconfitte consecutive - le parole del mister spagnolo -. Il cambio forzato di Junior (uscito per infortunio nella ripresa, ndr) ha scombussolato un po' le nostre carte in fase offensiva e abbiamo perso lucidità. Kiassumbua? Dobbiamo ancora analizzare l'azione che ha portato al pareggio del Thun. Dobbiamo credere nei nostri due portieri perché sono una parte fondamentale della corsa che porta all'obiettivo salvezza"

Tabellino

Lugano - Thun 1-1 (1-0)

Reti: 3' Carlinhos 1-0, 82' Da Silva 1-1.

Spettatori: 3.148. Arbitro: Klossner.

Lugano: Kiassumbua; Daprelà, Sulmoni, Golemic, Amuzie; Sabbatini, Piccinocchi (83' Manicone), Mariani (70' Ledesma); Crnigoj, Janko, Carlinhos (52' Vecsei).

Thun: Faivre; Glarner, Lauper, Sutter, Kablan; Tosetti (75' Da Silva), Karlen, Hediger, Ferreira (46' Gelmi); Spielmann, Sorgic (91' Hunziker).

Note: Lugano senza Gerndt, Bottani e Da Costa (tutti infortunati). Thun privo di Bigler, Nikolic, Bürgy, Costanzo e Joss (infortunati). Ammoniti: 38' Amuzie. 81' Glarner.

14 aprile 2018 20:50
Red. Sport/G.C.


Condividi

Prossimi articoli

Il Lugano è a Sion: Mihajlovic torna in campo

I bianconeri dopo il pari col Thun non possono sbagliare in Vallese
Calcio

“Adesso non possiamo più sbagliare”

Guillermo Abascal lancia la trasferta del Lugano a Sion: "Ho ereditato un gruppo sano e ambizioso, anche se in Svizzera i giocatori sono più freddi"
Calcio