3/5

Ottavi di Champions, ce ne parla Carlo Ancelotti

L'intervista esclusiva al tecnico italiano, in vista degli scontri diretti della prestigiosa competizione

MILANO - Il signore sì che se ne intende, perché nessun allenatore ha vinto tre volte la moderna Champions League come lui: due con il Milan nel 2003 e 2007, una con il Real Madrid nel 2014. E soltanto lui ha già guidato cinque delle squadre ancora in corsa: la Juventus, il Chelsea, il PSG, il Real Madrid e infine il Bayern Monaco, che lo ha esonerato a fine settembre. Così, Carlo Ancelotti, 58 anni, si prepara suo malgrado a vedere la Champions degli altri che ricomincia. Anzi incomincia, perché da martedì scattano gli ottavi di finale con eliminazione diretta, che Ancelotti gioca in anticipo per i lettori del Corriere del Ticino.

Ancelotti, le dispiacerebbe essere raggiunto da Guardiola, Heynckes, Mourinho o Zidane, che potrebbero vincere la Champions per la terza volta come lei?

«Non mi dispiacerebbe, perché so benissimo che può succedere. Sono quattro ottimi allenatori alla guida di quattro grandi squadre. Guardiola con il Manchester City, Heynckes con il Bayern, Mourinho con il Manchester United e Zidane con il Real Madrid hanno la possibilità di farcela e non ci sarebbe da stupirsi se fosse uno di loro a vincere la finale di Kiev».

L'intervista completa a pagina 20 del CdT.

I particolari sul giornale
Edizione del 10 Febbraio 2018 a pagina 20
10 febbraio 2018 06:00
Alberto Cerruti


Condividi

Prossimi articoli

Mariani fa volare il Lugano

Il centrocampista decide la sfida contro il Grasshopper: l'1-0 sulle cavallette è la quarta vittoria consecutiva dei bianconeri, terzi in classifica
Calcio

Il Lugano cerca il poker a Cornaredo

Dopo i successi contro Thun, Basilea e Sion i bianconeri vanno a caccia della quarta vittoria nel girone di ritorno
Calcio