3/5

Erdogan: risponderemo ai dazi di Trump

Previste misure di rappresaglia al raddoppio dei tributi decisi dagli Stati Uniti su alluminio e acciaio - Borse al ribasso

ANKARA - La Turchia risponderà con misure di rappresaglia al raddoppio dei dazi su alluminio e acciaio deciso dagli Stati Uniti. Lo ha annunciato il ministero degli esteri di Ankara, sottolineando che l'iniziativa americana non è da "Stato serio". Lo riferisce l'agenzia di stampa turca Anadolou.vAnche Wall Street oggi si è mostrata in calo con le tensioni in Turchia. Il Dow Jones ha perso lo 0,70% a 25.330,06 punti, il Nasdaq lo 0,45% a 7.856,07 punti, mentre lo S&P 500 ha lasciato sul terreno lo 0,50% a 2.839,18 punti.

Intanto, Erdogan attacca le lobby dei tassi d'interesse che conducono "campagne" contro Ankara e promette: "Non perderemo questa guerra economica". Una crisi che scoppia nel pieno di un durissimo scontro con gli Stati Uniti. E l'ultima spinta a un'economia sull'orlo del precipizio arriva direttamente dal presidente statunitense Donald Trump via Twitter: "Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull'acciaio e l'alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei confronti di un dollaro molto forte. I dazi sull'alluminio saranno ora al 20% e quelli sull'acciaio al 50%. I nostri rapporti con la Turchia non sono buoni al momento". Una mossa che Ankara rinvia subito al mittente: "Non è da Stato serio, risponderemo" al raddoppio delle tariffe e "ci difenderemo". Serafica la replica del sultano turco: "Chi ci attacca ha il potere, noi abbiamo Allah".

10 agosto 2018 20:25
ats


Condividi

Articoli suggeriti

Trump raddoppia i dazi su alluminio e acciaio in Turchia

Economia

Affonda la lira turca, è corsa verso il franco

VALUTE INTERNAZIONALI - Paura per il crollo della moneta di Ankara che perde fino al 13,5% sul dollaro - Il franco svizzero è invece in risalita sull'euro
Economia

Turchia: la lira affonda e perde fino a 13,5% sul dollaro

Economia

Turchia: crollano bond e lira, ipotesi intervento Fmi

Economia