3/5

Vestiti contraffatti sequestrati dalle Fiamme Gialle

A Varese e in Brianza sono stati trovati, quest'oggi, 600 capi d'abbigliamento falsi - Denunciati i tre responsabili

VARESE - Il Gruppo della Guardia di Finanza di Varese ha sequestrato, a Varese e in Brianza, circa 600 capi di vestiario ritenuti contraffatti, denunciando in seguito i tre responsabili. A seguito di un'autonoma attività investigativa, i militari hanno scoperto che un negozio in centro a Varese aveva messo in vendita T-shirt contraffate di un noto marchio d'abbigliamento.

La perquisizione dell'esercizio commerciale e le ricerche nel magazzino retrostante hanno consentito il rinvenimento di oltre 60 T-shirt contraffatte. Le Fiamme Gialle hanno quindi esaminato la documentazione fiscale e contabile per ricostruire la filiera del commercio illegale, individuando due fornitori del negozio varesino, residenti in Brianza. I finanzieri, in collaborazione con i colleghi di Monza, hanno effettuato gli accessi presso i magazzini dei grossisti, all'interno dei quali sono stati rinvenuti oltre 500 capi contraffatti.

Le indagini hanno consentito di ricostruire l'intera "filiera del falso": t-shirt che venivano prodotte da una società croata, importate in stock e pagate 5 euro l'una. La singola maglietta veniva poi messa in vendita a 50 euro - successivamente scontata del 50% - ottenendo così un prezzo di listino finale di 25 euro.

08 agosto 2018 11:28
Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

Foto del giorno

Gli scatti più belli selezionati dalla redazione.
Cronaca

Un membro del commando muore in un “incidente sospetto”

Il luogotenente dell'aviazione saudita Mashal Saad al-Bostani era a Istanbul il giorno della scomparsa di Jamal Khashoggi
Cronaca

“Quel grande attentato lo pianificava uno svizzero”

Secondo i media tedeschi sarebbe stato un confederato il committente di un'azione dell'Isis ad un festival in Germania - L'attacco venne sventato dai servizi segreti
Cronaca