3/5

Il ceo della Papa John's si dimette per insulti razzisti

Il fondatore della nota catena di pizzerie ha usato la parola "negro" durante una conference call

NEW YORK - Il fondatore e presidente della popolare catena di pizzerie Papa John's, John Schnatter, si è dimesso alcune ore dopo essere stato costretto a scusarsi per aver pronunciato un insulto razziale.

Secondo il sito di Forbes, Schnatter ha usato la 'N-word', ossia 'nigger' ('negro'), durante una conference call lo scorso maggio. In una dichiarazione rilasciata dalla società, ha ammesso che le notizie che gli attribuiscono l'uso di un linguaggio "inappropriato e offensivo" sono vere.

"Indipendentemente dal contesto mi scuso, il razzismo non ha posto nella nostra società", ha detto. "Papa John's condanna il razzismo e qualsiasi linguaggio insensibile, indipendentemente dalla situazione - ha fatto sapere la società - Siamo molto orgogliosi della diversità della famiglia di Papa John's, anche se continueremo a cercare di fare meglio sull'inclusione".

Schnatter, che ha fondato l'azienda nel 1984, si era già dimesso da ad nel dicembre dello scorso anno dopo aver criticato i giocatori della National Football League (Nfl), per essersi inginocchiati per protesta durante l'inno.

12 luglio 2018 15:52
ats


Condividi

Prossimi articoli

Rapina al portavalori, una parte del bottino trovata in Francia

Il colpo era avvenuto lo scorso febbraio a Chavornay (VD) - Sequestrati 2,4 milioni di franchi a casa di un 44.enne
Cronaca

Thailandia, i ragazzi della grotta tornano a casa

VIDEO - I 12 giovani salvati poco più di una settimana fa insieme al loro allenatore hanno lasciato l'ospedale - Stanno tutti bene
Cronaca

Naufragio a nord di Cipro, almeno 16 morti

Secondo fonti locali, il barcone trasportava migranti siriani - Intanto la nave Sarost 5, con una quarantina di persone a bordo, vaga in mare da giorni e i porti restano chiusi
Cronaca