3/5

Un'azienda farmaceutica blocca una condanna a morte

Nevada - Le sostanze usate per l'iniezione letale erano state ottenute illegalmente: rinviata l'esecuzione di un omicida

WASHINGTON - Per la prima volta una azienda farmaceutica e' riuscita a bloccare una condanna a morte sostenendo che una delle sostanze scelte per l'iniezione era stata ottenuta illegalmente e che il 'cocktail' finale non era stato testato in una pena capitale. E' successo in Nevada, dove un giudice ha rinviato l'esecuzione prevista nelle prossime ore di Raymond Dozier, 47 anni, condannato per due diversi omicidi nel 2002 e nel 2005. Era stato lo stesso detenuto a chiedere di essere ucciso, "anche se è inevitabile soffrire". Ma il giudice distrettuale Elizabeth Gonzalez ha accolto il ricorso della Alvogen, che si era opposta all'uso del suo midazolam nelle pene capitali.

12 luglio 2018 06:58
ats


Condividi

Prossimi articoli

CdA della RAI, ok a maggioranza a Foa presidente

La Commissione di vigilanza dovrà poi sentire l'interessato e votare
Cronaca

Maduro: “Chiederò 500 milioni all'Onu”

È la cifra che il presidente venezuelano cercherà di ottenere dalle Nazioni Unite per i rimpatri delle decine di migliaia di venezuelani emigrati verso paesi sudamericani
Cronaca

Morta la donna che ha ucciso tre persone

È deceduta in ospedale l'autrice della sparatoria in Maryland
Cronaca