3/5

Violento incidente: morti 5 kosovari residenti in Svizzera

Lo scontro tra un'auto e un autobus è avvenuto nei pressi di Suva Reka, a sud di Pristina - Due bambini tra le vittime

ZURIGO - Tragico incidente della circolazione in Kosovo: cinque membri di una famiglia residente in Svizzera sono morti nello schianto della loro auto contro un autobus nei pressi di Suva Reka, a una sessantina di chilometri a sud di Pristina. Fra le vittime figurano almeno due bambini.

Il Dipartimento federale degli affari esteri ha confermato a Keystone-Ats che la famiglia viveva in Svizzera e ha espresso le sue condoglianze. Stando a quanto indicato in un primo tempo dai media kosovari, i morti sarebbero una coppia e i loro tre figli. Il Blick parla invece di un padre 32.enne, una madre di 26, un figlio di 6 anni, una figlia di 3 nonché la nonna dei bambini, di età imprecisata. La famiglia, che si trovava in Kosovo in vacanza, viveva nel canton Argovia.

Stand a un portavoce di polizia citato dal Blick l'incidente è avvenuto alle 13.20 sulla strada fra Duhel e Suva Reka. L'auto era una BMW noleggiata: complice la carreggiata bagnata, il conducente avrebbe perso il controllo della sua vettura, che è girata su se stessa due volte per poi finire contro l'autobus che procedeva in senso inverso.

Trent'anni or sono sullo stesso tratto stradale era morto in un incidente automobilistico anche il padre del capofamiglia deceduto ieri. La strada sarebbe inoltre nota per essere teatro di frequenti sinistri.

Condoglianze nei confronti della famiglia sono state espresse sia presidente kosovaro Hashim Thaci che dal sindaco di Suva Reka Bali Muharremaj.

09 luglio 2018 08:29
ats


Condividi

Prossimi articoli

Gilet gialli bloccano depositi di carburante

Svolta sul terreno e nell'organizzazione dei manifestanti francesi
Cronaca

Trump: "Tutti sapevano dove era Osama"

Il presidente USA ha deriso l'ammiraglio dei Navy Seal a capo delle operazioni che portarono all'uccisione di Bin Laden
Cronaca

Parigi non cede ai gilet gialli: “La tassa è confermata”

In seguito alle proteste del movimento contro il il caro-carburante, il primo ministro francese Edouard Philippe annuncia: "Scelte difficili, ma manterremo la rotta per il bene del Paese"
Cronaca