3/5

Presa d'ostaggi a Parigi, fermato il sequestratore

Polizia in azione: arrestato l'uomo che ha tenuto in ostaggio alcune persone nel decimo arrondissement della capitale francese

PARIGI (aggiornato alle 20.20) - È stato fermato nel corso di un assalto delle forze speciali l'uomo che nel pomeriggio ha tenuto in ostaggio alcune persone in uno stabile del decimo arrondissement di Parigi. Il sequestratore è stato arrestato e gli ostaggi sono tutti sani e salvi.

Al suo arrivo sul posto, l'uomo si è fatto passare per un delivery boy, i ragazzi che consegnano i piatti pronti di bar e ristoranti diffusissimi a Parigi. All'ingresso dell'edificio, in rue des Petites Ecuries, l'uomo ha colpito al volto e ferito uno degli occupanti, poi soccorso dai pompieri. In un primo momento avrebbe preso in ostaggio tre persone.

Fin dai primi momenti la zona è stata presidiata dagli agenti. L'uomo averebbe poi chiesto di parlare con l'ambasciatore d'Iran in Francia, secondo il ministero dell'interno e avrebbe sostenuto di avere un ordigno esplosivo con sé. Altre fonti parlano anche di una pistola. Una fonte della polizia citata dall'agenzia stampa francese ha parlato di una situazione "molto confusa". La zona tra rue des Petites Ecuries e Rue d'Hauteville è stata completamente isolata.

In un secondo momento una donna incinta, che era probabilmente fra gli ostaggi dell'uomo armato, è riuscita ad uscire ed è stata affidata alle cure dei soccorsi. Non ci sono per ora conferme sul numero di persone prese in ostaggio dall'uomo.

Al momento, il ministero dell'interno francese ritiene che non si tratti di un atto terroristico. I motivi della presa di ostaggi, in rue des Petites Ecuries, non sono ancora noti. 

L'uomo aveva dichiarato di avere un complice all'esterno: è quanto hanno riferito fonti vicine all'inchiesta, sottolineando tuttavia di non essere in possesso di alcun elemento per confermare l'informazione.

 

 

  

Il luogo della presa d'ostaggi

12 giugno 2018 17:30
ats - Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

“Ciò di cui il mondo arabo ha più bisogno è la libertà di espressione”

Con questo titolo, che suona quasi come un testamento spirituale, il Washington Post pubblica oggi l'ultimo editoriale di Jamal Khashoggi
Cronaca

Foto del giorno

Gli scatti più belli selezionati dalla redazione.
Cronaca

Un membro del commando muore in un “incidente sospetto”

Il luogotenente dell'aviazione saudita Mashal Saad al-Bostani era a Istanbul il giorno della scomparsa di Jamal Khashoggi
Cronaca