3/5

Contratto di governo all'orizzonte?

Dopo giorni di trattative forse mercoledì si arriverà a una svolta - Di Maio: "Magari domani si arriverà a un'intesa e da lì si parte"

ROMA - "Ci siamo sentiti e ci siamo visti. Queste sono giornate importanti. Domani forse riusciamo a chiudere il contratto di governo e poi da lì si parte. In 6 giorni stiamo scrivendo il programma di 5 anni". Così il leader del M5s Luigi di Maio lasciando Montecitorio dopo l'incontro con Matteo Salvini sulla formazione del governo.

"Chi ha paura non riesce ad andare fino alla fine", dice il capo politico dei 5Stelle Luigi Di Maio lasciando Montecitorio dopo l'incontro con Matteo Salvini. A chi gli chiede se la Lega abbia paura Di Maio risponde: "No, io per ora vedo tutte e due le parti al tavolo che vogliono chiudere questo contratto il prima possibile con tutti i grandi temi che sono nella storia dell'una e dell'altra".

Se domani si chiuderà il contratto di governo M5s-Lega, giovedì si potrebbe avere un candidato premier? "Vediamo. È logico che bisogna chiudere nei prossimi giorni", ha detto Di Maio rispondendo ai giornalisti. "Sul contratto individueremo la persona per far partire questo governo - ha continuato - Ovviamente non è semplice ma tecnicamente stiamo lavorando insieme alla Lega da giovedì, non è passata neanche una settimana: in una settimana abbiamo scritto oltre 30 pagine di contratto di governo e stiamo dialogando insieme per creare una squadra che sia all'altezza della situazione, perché a livello europeo dovrà battagliare non poco".

15 maggio 2018 22:19
ats - Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

Strage in una scuola in Crimea

Un'esplosione e una sparatoria sono avvenute nell'Istituto politecnico di Kerch - I morti sono 19 - L'autore è uno studente che si è poi ucciso
Cronaca

“È una talpa”, arrestata dipendente del Ministero del Tesoro Usa

Natalie Mayflower Sours Edwards è accusata di aver rivelato informazioni confidenziali ad un giornalista
Cronaca

Sequestratore di Colonia: possibile atto terroristico

Lo ha reso noto ha reso noto il procuratore generale di Karlsruhe
Cronaca