3/5

Famiglie kamikaze: un altro attentato

Dieci persone sono rimaste ferite in un attacco dinamitardo a Surabaya, in Indonesia, dopo quelli contro le tre chiese

GIACARTA - Dieci persone sono rimaste ferite in un nuovo attentato dinamitardo nella città indonesiana di Surabaya, all'indomani degli attacchi compiuti contro tre chiese, in cui sono morte 14 persone ed altre 41 sono rimaste ferite (Vedi Suggeriti).

Gli attentatori hanno fatto esplodere una motobomba contro il quartier generale della polizia, ferendo 4 agenti e sei civili, secondo quanto riferito da un portavoce delle forze di sicurezza.

L'ordigno è stato fatto esplodere da due persone, un uomo ed una donna, che si trovavano a bordo di una moto. Le immagini delle telecamere di sicurezza mostrano la polizia che ferma la moto davanti all'ingresso della centrale, prima dell'esplosione.

Anche l'attacco suicida di questa mattina, come quelli di ieri contro tre chiese, è stato messo a segno da membri della stessa famiglia. 

A farsi saltare in aria sono stati genitori e due figli. La sorellina, una bambina di otto anni, è sopravvissuta. Lo ha annunciato il capo della polizia indonesiana Tito Karniavan, secondo quanto riporta la tv locale Kompas.

14 maggio 2018 07:20
ats


Condividi

Articoli suggeriti

Indonesia, kamikaze tutti della stessa famiglia

Le persone che si sono fatte esplodere contro tre chiese cristiane a Surabaya sono parenti - Tra loro anche bambini e adolescenti
Cronaca

Triplice attentato in chiese indonesiane, 11 morti

A Surabaya una serie di attacchi kamikaze ha provocato anche 41 feriti - Tra gli attentatori pure una donna velata che si è fatta saltare in aria assieme ai figli
Cronaca