3/5

Missili sulla Siria: il punto della situazione

Su ordine del presidente Usa Donald Trump è stato sferrato un attacco congiunto da Stati Uniti, Regno Unito e Francia - Mogherini: "L'Ue è stata avvisata dei raid"

DAMASCO - Sarebbero oltre 100 i missili lanciati da Usa, Francia e Gran Bretagna contro tre siti chimici del regime siriano, ma "un numero considerevole" sarebbe stato "intercettato e abbattuto" dai sistemi di difesa di Damasco.

È la versione di Mosca sull'attacco avvenuto nella notte in Siria che presenta ancora numerosi punti oscuri, a partire dalle modalità del coordinamento dell'azione e dal fatto che questa sia stata preventivamente comunicata al Cremlino: una circostanza negata dal capo di Stato maggiore delle forze armate americane, Joseph Dunford, e invece sostenuta dalla ministra della Difesa francese, Florence Parly.

L'attacco è stato ordinato dal presidente americano Trump che ha sciolto le riserve a una settimana dall'attacco chimico alla città siriana di Duma ed ha agito in stretto coordinamento con Londra e Parigi. Trump ha annunciato l'azione in un drammatico discorso alla nazione in diretta tv, in cui ha insistito sulla necessità di agire contro i crimini e le barbarie perpetrati dal regime di Bashar al Assad, definito "un mostro" che massacra il proprio popolo. E i primi missili Tomahawk sono partiti proprio mentre il presidente stava ancora parlando, intorno alle 21 ora di Washington, le tre del mattino in Svizzera.

Si è trattato di un'operazione unica durata poco più di un'ora, nel corso della quale sono stati colpiti tre obiettivi legati alla produzione o stoccaggio di armi chimiche: un centro di ricerca scientifica a Damasco, un sito a ovest della città di Homs e un importante posto di comando situato nei pressi del secondo obiettivo. I missili sono partiti da alcuni bombardieri e da almeno una delle navi militari americane nel Mar Rosso. In azione anche fregate e caccia francesi e britannici.

Da parte sua, la premier britannica Theresa May ha chiarito che lo scopo dell'azione "non è un cambio di regime", ma dissuadere Assad dal fare uso di armi chimiche e ammonire che non ci può essere "impunità" al riguardo. Anche il presidente francese Macron ha spiegato che "la linea rossa fissata dalla Francia nel maggio 2017 è stata oltrepassata".

La prima reazione di Damasco è stata rivolta a sminuire i risultati dell'operazione: se i raid sono finiti qui, hanno affermato fonti del governo di Assad, i danni sono limitati. Anche Mosca ha di fatto ridimensionato le conseguenze degli attacchi, sostenendo che i missili in arrivo sono stati in gran parte intercettati e distrutti dai sistemi di difesa siriani, tutti "fabbricati in Unione Sovietica oltre 30 anni fa". Mosca però non ha esitato a condannare le azioni degli Usa e dei loro alleati che "non resteranno senza conseguenze". Vladimir Putin ha parlato di "atto di aggressione" e ha annunciato che la Russia chiederà una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza dell'Onu. Anche Teheran, l'altro grande alleato di Assad, ha fatto sapere che "gli Stati Uniti e i loro alleati sono responsabili per le conseguenze regionali che seguiranno all'attacco", con la guida suprema Khamenei che ha definito Trump, Macron e May "criminali".

E mentre il segretario generale dell'Onu Guterres invita alla "moderazione e alla responsabilità", il segretario generale della Nato Stoltenberg ha dato il suo sostegno all'operazione. Un appoggio all'attacco è arrivato anche da Ue, Germania, Giappone, Canada e Israele.

Mogherini: "L'Ue è stata avvisata dei raid"

"L'Ue era stata informata dei bombardamenti aerei mirati di Usa, Francia e Gran Bretagna sugli impianti di armi chimiche in Siria". Lo ha detto l'Alto rappresentante Federica Mogherini a nome dell'Ue.

"Queste misure specifiche sono state prese con l'unico obiettivo di impedire l'ulteriore uso di armi e sostanze chimiche da parte del regime siriano. L'Ue sostiene tutti gli sforzi per prevenire l'uso" di tali armi, spiega Mogherini, invitando "Russia e Iran ad usare la loro influenza per evitare" che Damasco le usi di nuovo.

L'Alto Rappresentante nella dichiarazione a nome dell'Ue definisce "profondamente scioccante" che "la comunità internazionale si trovi ancora di fronte ad attacchi con armi chimiche" come confermato dalla missione sul terreno dell'Opac, e definisce "un dovere" assicurare alla giustizia i responsabili".

"L'Ue ribadisce la sua più forte condanna al ripetuto utilizzo delle armi chimiche da parte del regime siriano, come confermato dal Meccanismo congiunto di Opac e Onu, e come riportato in questi ultimi mesi nella Ghuta orientale ed altre aree in Siria. È in questo contesto - afferma - che l'Ue è stata informata dei raid mirati di Usa, Francia e Gran Bretagna".

"L'Ue ribadisce che non può esserci altra soluzione al conflitto siriano che politica. Abbiamo un obiettivo comune nel prevenire qualsiasi escalation di violenza che potrebbe trasformare la crisi siriana in un confronto regionale più ampio, con conseguenze incalcolabili per il Medio Oriente e per il mondo intero", ha proseguito Mogherini. "L'Ue invita tutte le parti in conflitto, in particolare il regime e i suoi alleati, ad attuare subito il cessate il fuoco".

"La seconda conferenza di Bruxelles sulla Siria, che si terrà dal 24 al 25 aprile 2018, copresieduta dall'Ue e dall'Onu, sarà l'occasione per l'intera comunità internazionale per rilanciare il suo coerente sostegno al processo politico e impegnarsi ad aiutare le principali vittime di questo conflitto in corso, vale a dire il popolo siriano", afferma Mogherini.

14 aprile 2018 11:11
ats


Condividi

Prossimi articoli

Ergastolo per Peter Madsen

L'inventore danese Peter Madsen è stato condannato per l'omicidio della giornalista svedese Kim Wall, uccisa e smembrata lo scorso anno a bordo del suo sottomarino
Cronaca

Alfie resiste ma la Corte nega il trasferimento in Italia

IL CASO DEL BIMBO MALATO TERMINALE - L'Italia è pronta ad accoglierlo ma la giustizia britannica dice "no"
Cronaca

Italia: forte scossa di terremoto in Molise

Cronaca