3/5

Accuse a Trump: “Ha dato l'ordine senza autorizzazione”

Polemiche negli Usa per l'attacco in Siria, democratici e alcuni repubblicani puntano il dito contro il presidente

WASHINGTON - Scoppiano le prime polemiche negli Stati Uniti per la decisione di Donald Trump di sferrare un attacco alla Siria senza ottenere prima un'autorizzazione del Congresso. Anche alcuni deputati repubblicani si sono uniti al coro dei democratici guidati dalla leader della minoranza alla Camera Nancy Pelosi nel criticare il presidente che avrebbe violato la costituzione.

"Mentre Assad deve essere ritenuto responsabile per l'uso illegale di armi chimiche contro i civili, i bombardamenti che sono stati portati a termine senza il benestare del Congresso sono inaccettabili", ha commentato il senatore dem Bob Casey, spiegando come la costituzione Usa non prevede che il presidente abbia l'autorità di decidere da solo un attacco militare.

Secondo quanto riportano fonti del dipartimento di Stato, il segretario di Stato facente funzioni John Sullivan ha informato dell'attacco diversi membri del Congresso dopo che i bombardamenti in Siria erano già partiti.

La Nato sostiene l'attacco, Israele lo giustifica

La Nato sostiene l'attacco di Usa, Gran Bretagna e Francia contro i siti di armi chimiche del regime siriano. Lo afferma il segretario generale dell'Alleanza Jens Stoltenberg in una nota. L'azione di stanotte "ridurrà la capacità del regime di condurre ulteriori attacchi contro il popolo siriano con armi chimiche", aggiunge Stoltenberg, ribadendo come sia "inaccettabile" l'utilizzo dei gas.

"La Siria continua a commettere azioni omicide e ad essere una base per queste ed altre attività, anche da parte dell'Iran: cosa che mette il suo territorio, le sue forze e la sua leadership in pericolo". Questo il commento di una fonte politica israeliana. "Nell'ultimo anno, il presidente Trump ha chiarito che il ricorso ad armi chimiche rappresenta l'attraversamento di una linea rossa. Stanotte - ha concluso -, su guida americana, gli Stati Uniti, la Francia e la Gran Bretagna hanno operato di conseguenza".

14 aprile 2018 07:14
ats


Condividi

Prossimi articoli

Tanzania: affonda traghetto, 86 morti

Si è rovesciato al largo della città di Mwanza nelle acque del lago Vittoria
Cronaca

Florence fa altri 4 morti: il bilancio sale a 41

Cresce ancora il numero delle vittime attribuite all'uragano in Carolina
Cronaca

CdA della RAI, ok a maggioranza a Foa presidente

La Commissione di vigilanza dovrà poi sentire l'interessato e votare
Cronaca