3/5

Macron studia per la più grande "riforma Islam di Francia"

Il presidente francese nei prossimi mesi vuole riorganizzare il rapporto fra l'Islam e la Repubblica: "Laicità per salvaguardare la coesione nazionale"

PARIGI - Consultazioni di esperti e rappresentanti di tutte le religioni, lavori in corso all'Eliseo per una grande "riforma dell'Islam di Francia". Le basi, annuncia il presidente Emmanuel Macron in un'intervista a Le Journal du Dimanche, "saranno poste in questo primo semestre del 2018".

"Il mio metodo per progredire in questo campo - assicura il capo dello Stato - è di andare avanti passo dopo passo. Svelerò qual è la mia proposta soltanto quando questo lavoro sarà concluso".

"Incontro intellettuali e docenti universitari, come Gilles Kepel - confida Macaron -, rappresentanti di tutte le religioni, poiché ritengo che dobbiamo ispirarci con forza alla nostra storia, alla storia dei cattolici e dei protestanti". Il presidente aggiunge che il suo obiettivo è "ritrovare il cuore della laicità, la possibilità di poter credere o non credere, per salvaguardare la coesione nazionale e la possibilità di avere la libertà di coscienza".

Macron ritiene da un lato che sia pericoloso "brandire oggetti troppo connotati", ma anche "fare di tutta l'erba un fascio". "C'è una questione - dice - che è quella dell'organizzazione. Ma ce n'è un'altra, quella del rapporto fra l'Islam e la Repubblica".

11 febbraio 2018 11:25
ats


Condividi

Prossimi articoli

Lancia la figlia dal cavalcavia e si suicida

Tragedia a Francavilla al Mare: un 49.enne si è gettato nel vuoto dopo aver ucciso la piccola di 12 anni, facendole fare un volo di 40 metri - La vicenda sarebbe legata alla morte della moglie
Cronaca

Gli dà una mazzata in testa dopo un banale incidente

Folle reazione di un 64.enne dopo che un'auto gli ha urtato lo specchietto a Milano: l'uomo ha usato una mazza da baseball - Il ferito è grave
Cronaca

Tangenti: in manette 21 persone, anche un ex magistrato

Gli arresti sono avvenuti in diverse province italiane, tra cui Milano, Monza e Brianza e Lecco - Tra le accuse anche riciclaggio e corruzione
Cronaca