3/5

Swiss: primo semestre in netta crescita

La compagnia aerea elvetica ha visto i ricavi salire del 10% e fissarsi a 2,6 miliardi di franchi

ZURIGO - Primo semestre in netta crescita per Swiss: la compagnia aerea elvetica controllata da Lufthansa ha visto i ricavi salire (su base annua) del 10% a 2,6 miliardi di franchi, mentre l'utile operativo Ebit rettificato è aumentato del 68% a 330 milioni.

Swiss ha beneficiato della maggiore efficienza resa possibile dall'ammodernamento della sua flotta e dall'ampliamento delle sue capacità, con l'entrata in servizio del Boeing 777-300ET e degli aeromobili della serie C, indica la società in un comunicato odierno.

La progressione dell'utile è frutto di un aumento della domanda, ma anche di diversi effetti straordinari non meglio specificati. Il tasso di occupazione dei velivoli si è attestato all'81,5%, con un incremento di 0,9 punti percentuali.

Nel solo secondo trimestre l'aumento dell'utile operativo è stato del 38% a 224 milioni, su un giro d'affari di 1,4 miliardi (+11%). Nella seconda parte dell'anno l'aumento del prezzo del cherosene potrebbe dare però del filo da torcere, avverte la compagnia.

"Siamo lieti di essere riusciti a mantenere lo slancio del primo trimestre", afferma il CEO Thomas Klühr, citato nella nota. "Abbiamo certamente beneficiato di effetti straordinari per poter arrivare a questo buon risultato, ma siamo fiduciosi di poterci affermare in un mercato molto competitivo".

Da parte sua la casa madre Lufthansa ha annunciato un calo dell'utile netto nel secondo trimestre, a causa del costoso assorbimento di Air Berlin: il risultato si è contratto dello 0,8% a 734 milioni di euro (848 milioni di franchi), cifra comunque assai superiore ai 672 milioni di euro attesi dagli analisti. Il numero di passeggeri ha raggiunto un livello record.

31 luglio 2018 08:41
ats


Condividi