3/5

Le misure regolamentari hanno migliorato la stabilità delle banche

È quanto emerge dal rapporto della Banca nazionale svizzera sulla stabilità finanziaria

ZURIGO - Le misure di regolazione bancarie per risolvere la problematica del "too big to fail" introdotte in Svizzera hanno rafforzato la stabilità degli istituti e ridotto il rischio che questi rappresentano per l'economia in caso di difficoltà, ha comunicato oggi la Banca nazionale svizzera (BNS) nel suo rapporto sulla stabilità finanziaria.

Le banche hanno migliorato i loro fondi propri, ridotto la loro esposizione e corretto i loro modelli d'affari. Questi miglioramenti si riflettono in risultati operativi più stabili.Dopo anni di ristrutturazione di loro attivi tossici ereditati dalla crisi finanziaria del 2008, UBS e Credit Suisse hanno avviato nuove iniziative di crescita. L'istituto di emissione ha tuttavia constatato che le due grandi banche "cercano nuovamente di far crescere le loro attività e correre dei rischi".

La BNS ha insistito sul fatto che sia di primaria importanza applicare l'insieme di misure previste nell'ambito della regolazione "too big to fail", sia a livello internazionale con il Consiglio di stabilità finanziaria (Financial Stability Board, FSB), sia in Svizzera con l'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA).

21 giugno 2018 08:01
ats


Condividi

Prossimi articoli

Scandalo Vincenz, giù il rating di Raiffeisen

L'agenzia Moody's ha ridotto da Aa2 ad Aa3 il rating di credito a lungo termine del gruppo bancario
Banche

Le banche centrali e i mercati

Se ne parla questa sera (22.00) a Index su TeleTicino, conduce Lino Terlizzi
Banche