3/5

A Franco Ambrosetti lo Swiss Jazz Award 2018

Il premio sarà consegnato al trombettista ticinese questa sera ad Ascona durante il concerto Big Easy

ASCONA - Il primo fine settimana di JazzAscona si conclude con una serata davvero imperdibile. Un mix esplosivo di vibrazioni firmate Big Easy che vedrà nel concerto Franco Ambrosetti il suo snodo centrale. Al celebre trombettista ticinese sarà consegnato lo Swiss Jazz Award 2018 - il premio del jazz svizzero - a ricompensa di una carriera che, dagli anni '60 in poi, lo ha consacrato protagonista a livello internazionale. Con lui, calcherà il palco di JazzAscona un quartetto d'assoluto spessore, che include anche Dado Moroni al piano.

ASCONA - L'anima di New Orleans fa pulsare anche il cuore di tanti musicisti rossocrociati. JazzAscona, da sempre radicato nella realtà musicale svizzera, è felice di poter proseguire nel solco tracciato dalle scorse edizioni, proponendo una serie di concerti che presentano al pubblico del lungolago il gotha della scena jazz elvetica. In quest'ottica si inserisce alla perfezione l'unica e attesissima esibizione di Franco Ambrosetti. Più volte definito "il gran signore dell'hardbop svizzero", il trombettista e flicornista ticinese ha scritto la storia del jazz europeo. Nel corso del suo percorso musicale, Ambrosetti ha suonato con i più grandi nomi: da Dexter Gordon a Joe Henderson, passando per Cannonball Adderley, le sue collaborazioni attestano lo spessore di un musicista consacratosi appieno. La sua esibizione (21.30; Stage New Orleans), che lo vedrà riscaldare l'atmosfera asconese accompagnato da un quartetto infuocato, promette di non deludere le attese.

Oltre al concerto-premiazione dello Swiss Jazz Award, il festival propone anche oggi, domenica, il meglio delle vibrazioni della Città del Delta. Alle 18, dal Municipio, partirà una parata incalzata dai ritmi infuocati della Andrews Family Brass Band, pensata per coinvolgere anche i più piccoli nel magico sceneario della rassegna. Dai palchi del lungolago le emozioni pioveranno copiose. Da segnalare, la novità di serata: Alexey Marti e il suo Latin Project. L'estroso percussionista cubano, da anni residente a New Orleans, ha collaborato con il meglio del meglio. Il Buena Vista Social Club e gli Head Hunters sono solo alcune delle prestigiose formazioni che si sono avvalse del suo talento. L'Alexey Marty's Latin Project suonerà alle 22 sul palco Elvezia.
Un concerto da cerchiare sul programma, cosi come le esibizioni del Randolph Matthews Afro Blues Project, vincitore del Premio del Pubblico 2017, e quelle di molte altre band in pieno stile Big Easy.

 

 

 

 

24 giugno 2018 11:25
Red. Online


Condividi

Prossimi articoli

“Lele” dei Negramaro ricoverato in gravi condizioni

Il chitarrista della nota band italiana sarebbe stato colpito da un'emorragia cerebrale mentre si trovava nella sua abitazione
Musica

Alla riscoperta del più schivo dei Pink Floyd

Dieci anni fa si spegneva a Londra Richard Wright - Tra gli autori di alcuni dei pezzi migliori della band, da Echoes a The Great Gig in The Sky
Musica

Svelato il programma di Locarno City of Guitars

Due giorni intensi che permetteranno ai fan di conoscere meglio i loro artisti preferiti grazie al "Palco Sofà" dove i chitarristi racconteranno le proprie esperienze e i propri segreti
Musica