3/5

Berset a Locarno: “La politica culturale riguarda tutti”

Il presidente della Confederazione è intervenuto in una conferenza stampa

BERNA/LOCARNO - La politica culturale riguarda la società nel suo insieme. Lo dimostrano il dibattito sull'insegnamento delle lingue nazionali nella scuola elementare e le numerose votazioni cantonali al riguardo. È il concetto espresso dal presidente della Confederazione Alain Berset a Locarno in un incontro con la stampa.

Per quel che riguarda il ruolo della Confederazione e le sue politiche culturali, secondo il responsabile dell'interno gli obiettivi chiave sono stati raggiunti. Si tratta in particolare di partecipazione culturale, coesione sociale, creazione e innovazione. Temi che verranno ripresi nel prossimo messaggio sulla cultura per gli anni 2021-2024.

In futuro, gli scambi culturali e linguistici avranno sempre più importanza. Questo anche perché in Svizzera si è evidenziata un'esigenza di comprensione reciproca in questo senso, ha sottolineato Berset, che si trova in Ticino in occasione del Festival del film di Locarno.

Un altro obiettivo fondamentale del prossimo messaggio sulla cultura riguarderà il rafforzamento della partecipazione culturale. Il consigliere federale ha citato come esempio il programma Gioventù e Musica, che nel 2017 ha permesso a oltre 8500 bambini e giovani di partecipare a campi o corsi a tema. Quest'anno i partecipanti sono già oltre 11'000.

Un ulteriore obiettivo consisterà nel rafforzare il potenziale della cultura come motore di innovazione. Berset ha ricordato che in Svizzera l'economia creativa dà attualmente lavoro a 275'000 persone e genera un valore aggiunto pari a 22 miliardi di franchi all'anno. L'idea è quella di cercare nuove forme di cooperazione tra la cultura e l'economia, in particolare per quanto riguarda la digitalizzazione.

Il messaggio sulla cultura per gli anni 2021-2024 verrà messo in consultazione nella primavera 2019. Nel febbraio 2020 sono previsti i dibattiti parlamentari, mentre l'adozione definitiva dovrebbe avvenire nella sessione invernale 2020.

02 agosto 2018 11:31
ats


Condividi

Prossimi articoli

Uno 007 analogico in un mondo digitale

Rowan Atkinson è per la terza volta il maldestro Johnny English
Cinema

Tre uomini visti da una donna

Nel documentario "Almost There" della regista svizzera Jacqueline Zünd
Cinema

Scatena il mostro alieno che c'è in te

Con "Venom" la Marvel ha un nuovo (anti)eroe cinematografico
Cinema