3/5

Una commedia nera dal ritmo indiavolato

"Game Night" con Jason Bateman e Rachel McAdams

Pur non avendo ambizioni superiori all'essere una commedia d'intrattenimento, Game Night-Indovina chi muore stasera? è un lavoro accurato, non banale, che sa capitalizzare il valore aggiunto di una storia intrigante e personaggi ben recitati. Dirigono, all'opera seconda dopo Come ti rovino le vacanze, John Francis Daley e Jonathan Goldstein, già sceneggiatori dei due Come ammazzare il capo.... e vivere felici e di Spider-Man: Homecoming.
Una commedia controllatamente folle, ben al di sopra della media di quella demenzialità all'americana seriale e volgare. Lo si capisce già dalle prime rapide scene, dove Max (Jason Bateman, anche produttore) ed Annie (Rachel McAdams), entrambi competitivi e grandi appassionati di giochi da tavola, sciarade e indovinelli si conoscono, si piacciono, si sposano. Niente lungaggini, l'antefatto è raccontato. Passiamo ai fatti. I due sposini invitano regolarmente coppie di amici per serate casalinghe di giochi di società, cercando di non farsi notare dal vicino (Jesse Plemons), un poliziotto dall'aria inquietante che non invitano più da quando, lasciato dalla moglie, è diventato noioso. Finché arriva in città Brooks (Kyle Chandler), il fratello ricco e vincente di Max. Verso il quale Max ha sempre nutrito un forte complesso d'inferiorità. Brooks organizza nella sua nuova sfarzosa casa una serata ludica con in palio la sua rombante auto rossa. Ma subito viene rapito. Fa parte del gioco? Gli altri, senza preoccuparsi troppo, si mettono in caccia di indizi per essere i primi a ritrovarlo. La faccenda si complica, assume tinte noir, con continui colpi di scena e ribaltamenti (forse alla fine troppi) che confondono sia i personaggi che gli spettatori.
Fittamente dialogata, ricca di battibecchi tra il cast ben affiatato, con abbondanti riferimenti alla cultura pop (musica compresa), questa black comedy abile nel coniugare suspense e divertimento procede a ritmo indiavolato e a volte non si può fare a meno di ridere di gusto. 

  Il trailer

I particolari sul giornale
Edizione del 15 Maggio 2018 a pagina 30
15 maggio 2018 06:01
mar.


Condividi

Prossimi articoli

Uno 007 analogico in un mondo digitale

Rowan Atkinson è per la terza volta il maldestro Johnny English
Cinema

Tre uomini visti da una donna

Nel documentario "Almost There" della regista svizzera Jacqueline Zünd
Cinema

Scatena il mostro alieno che c'è in te

Con "Venom" la Marvel ha un nuovo (anti)eroe cinematografico
Cinema