3/5

Eastwood racconta tre veri eroi

"Ore 15:17 Attacco al treno"

A interpretare il film non ci sono divi carismatici ma gli stessi uomini che hanno sventato l'attentato, tre ragazzi americani come tanti. I quali hanno pure scritto un libro autobiografico con l'aiuto di un giornalista (in italiano edizione Rizzoli). Date queste imbriglianti premesse non si può pretendere che Ore 15:17 – Attacco al treno sia uno dei film memorabili di Clint Eastwood. Ma non mancano spunti di interesse.
A partire dalla scelta di far recitare i tre che mandarono a monte l'attentato jihadista del 21 agosto 2015 sul treno Thalys 9364 in corsa tra Amsterdam e Parigi. Sono nella realtà amici sin da bambini e ben affiatati. Il clou dell'attentato occupa poche scene e qualche rapido flashback infilato nel resto della storia. Che riguarda la crescita e l'apprendistato alla vita dei tre californiani, due bianchi e un nero; due militari e un civile. Sono Spencer Stone (sergente dell'Air Force), Alek Skarlatos (della Guardia Nazionale dell'Oregon, reduce da una missione in Afghanistan), Anthony Sedler (studente). Quel treno da Amsterdam a Parigi avevano persino deciso di non prenderlo, cambiando idea alla fine. È il tema del ruolo del caso, spesso presente nel cinema di Eastwood (basti ricordare Mystic River che, pur con ben altra profondità, ha una struttura simile).
Bertolt Brecht diceva: «Sventurato quel popolo che ha bisogno di eroi», ma il vecchio Clint (88 anni) non la pensa così. Dopo American Sniper (2014) e Sully (2016) inanella questo ideale terzo capitolo su gente comun e capace in condizioni eccezionali di gesta valorose.
Il buon americano è sceso da cavallo ma il mondo non ha smesso di funzionare come nel West. Anche se Eastwood non è sempre acritico verso i suoi personaggi. Ad esempio nelle sequenze della vacanza in Europa una guida tedesca stupisce il terzetto statunitense spiegando che furono i russi ad entrare per primi a Berlino alla fine della guerra. L'America non è stata l'unica a fare la Storia.

  Il trailer

I particolari sul giornale
Edizione del 16 Febbraio 2018 a pagina
16 febbraio 2018 05:22
mar.


Condividi

Prossimi articoli

Chatrian alla Berlinale? La risposta venerdì

Il presidente del Locarno Festival Marco Solari: "Per ora non possiamo prendere posizione"
Cinema

Guardando negli occhi Papa Francesco

Domande e risposte nel documentario del regista Wim Wenders
Cinema

Dinosauri buoni, uomini no

In "Jurassic World - Il regno distrutto", quinto capitolo della serie
Cinema